Eccellenza 2018, Petrarca Padova sul tetto di Italia

Sette anni dopo l’ultimo titolo il Petrarca Padova torna a laurearsi Campione d’Italia superando 19-11 i campioni uscenti del Patarò Calvisano.

Eccellenza 2018, Petrarca Padova sul tetto di Italia

Padova – Sette anni dopo l’ultimo titolo il Petrarca Padova torna a laurearsi Campione d’Italia superando 19-11 i campioni uscenti del Patarò Calvisano: il tredicesimo scudetto nella storia dello storico Club biancoscudato arriva, per la prima volta dall’istituzione dei play-off, davanti al pubblico di casa, di fronte agli oltre seimilacinquecento spettatori accorsi a sostenere questo pomeriggio il XV guidato da Andrea Marcato.

Per il giovane tecnico del Petrarca, alla stagione da debuttante sulla panchina del Club che lo lanciò come giocatore verso la maglia azzurra, il titolo arriva in fondo a un campionato che ha visto i veneti chiudere al primo posto la regular season e dominare la doppia semifinale contro le Fiamme Oro, ma anche a conclusione di ottanta minuti tutt’altro che semplici, in cui l’esperienza del Patarò Calvisano ha tenuto la partita in bilico sino ai dieci minuti finali.

A decidere la sfida che assegna il titolo di Campione d’Italia numero ottantotto, mettendo la parola fine al tentativo del Calvisano di riagguantare una partita che il Petrarca sembrava aver chiuso in avvio di ripresa (13-0 di parziale dopo la meta dell’ala Rossi in apertura di ripresa), un drop dell’apertura padovana Menniti-Ippolito alla mezzora della ripresa: il numero dieci petrarchino, autore di quattordici dei diciannove punti, spegne con il secondo calcio di rimbalzo di giornata le velleità di rimonta dei bresciani, consegnando al Petrarca il titolo di Campione d’Italia 2018.

“Grande equilibrio e complimenti al Calvisano – ha detto al termine Andrea Marcato -. Loro sono stati bravi e ci hanno impegnato più di quanto non dica il risultato. Il valore di quella squadra esalta anche il nostro. Sono anche contento della grande affluenza di pubblico. Il rugby italiano ha bisogno di essere valorizzato. Purtroppo riusciamo ad accendere l’attenzione del grande pubblico solo in occasione del 6 Nazioni, mentre invece queste partite meritano di essere seguite attentamente perché c’è tanto lavoro e c’è tanta qualità.”.

Aggiungiamo noi che forse è venuto il momento di ripensare il sistema complessivo del rugby di vertice, valorizzando il campionato di Eccellenza e le franchigie coinvolte invece di bruciare risorse per la partecipazione con una franchigia federale (ma anche due) nel Guinness Pro. Ma questo, forse, è un discorso che ci porterebbe troppo lontano. Onore a Petrarca, società storica del rugby italiano, una delle poche (se non l’unica) in grado di accompagnare i ragazzi “dalla culla alla Nazionale”, ottenendo ottimi risultati in tutti i campionati nazionali a cui partecipa, dall’Under 16 all’Eccellenza.

Questo il tabellino della Finale scudetto 2018:

Padova, Stadio Plebiscito – sabato 19 maggio
Eccellenza, Finale
Petrarca Padova v Patarò Calvisano 19-11
Marcatori: p.t. 21’ drop Menniti-Ippolito (3-0); 31’ cp. Menniti-Ippolito (6-0); s.t. 1’ m. Rossi tr. Menniti-Ippolito (13-0); 12’ cp. Novillo (13-3); 20’ m. Pettinelli (13-8); 23’ cp. Menniti-Ippolito (16-8); 28’ cp. Novillo (16-11); 31’ drop Menniti-Ippolito (19-11)
Petrarca Padova: Ragusi (32’ st. Rizzi); Capraro, Riera, Bettin, Rossi; Menniti-Ippolito, Su’a (13’ st. Francescato); Trotta, Lamaro, Conforti (17’ st. Nostran); Saccardo (cap., 21’ st. Michieletto), Cannone (16’ st. Gerosa); Rossetto (10’ st. Scarsini), Santamaria (21’ st. Delfino), Borean (16’ st. Acosta)
all. Marcato
Patarò Calvisano: Tuimavave; Balocchi, Chiesa (38’ st. Dal Zilio), Mortali, De Santis; Novillo, Semenzato (10’ st. Casilio); Tuivaiti, Zdrilich (21’ st. Archetti), Pettinelli; Andreotti, Cavalieri; Zilocchi, Morelli (cap, 22’ st. Giovanchelli), Fischetti
all. Brunello
arb. Liperini
Cartellini: 5’ st. giallo Cannone (Petrarca Padova)
Note: terreno in ottime condizioni. 6500 spettatori circa
Man of the Match: Mennini-Ippolito (Petrarca Padova)
Calciatori: Menniti-Ippolito (Petrarca Padova) 3/3; Novillo (Calvisano) 2/3

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.