NAPOLI, 14 giugno 2015 – E’ l’Esperia-Torino la grande protagonista dei Campionati Italiani Under 23 Canottaggio che si sono conclusi oggi al Lago Patria, a Napoli. Il club remiero della città della Mole recita la parte del leone realizzando la propria tripletta tricolore grazie alle vittorie nel doppio Pesi Leggeri, singolo PL e quattro di coppia Under 23 PL. Dietro il circolo torinese, colgono due vittorie a testa CC Saturnia (quattro con e quattro senza Under 23 PL), SC Moltrasio (singolo femminile e quattro di coppia Under 23 femminile), SC Bissolati (singolo PL femminile e singolo Under 23), Elpis Genova (doppio e quattro di coppia Under 23), Marina Militare (due senza e quattro senza Under 23) e SC Firenze (due con e otto Under 23). Un titolo a testa nelle donne, per SC Arno (due senza Under 23), CC Aniene (doppio Under 23), GS Speranza Pra’ (doppio Under 23 PL) e SC Lario (quattro di coppia Under 23 PL). Negli uomini, invece, a vincere il titolo sono state Gavirate (quattro senza Under 23) e CC Peloro (due senza Under 23 PL).
Sullo specchio d’acqua del Lago Patria assegnati anche i titoli italiani Ragazzi: è l’AC Monate a fare la voce grossa con tre vittorie, davanti al CC Saturnia che conquista due successi; chiudono con un titolo italiano Ragazzi a testa CUS Torino, RYC Savoia, Tevere Remo, SC Padova, CC Aniene, Rowing Club Genovese, SC Cerea e CC Napoli, che vincendo l’otto conquista anche il Trofeo alla Legalità, consegnato dal Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti. Infine i titoli italiani Esordienti, quattro quelli in palio che finiscono nelle bacheche di altrettante società: SC Varese (singolo maschile), Tremezzina (singolo femminile), Rowing Club Genovese (doppio maschile) e SC Argus (doppio femminile).

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.