Eurobasket 2013: battere la Lituania per scrivere la storia

Eurobasket 2013: battere la Lituania per scrivere la storia

italiaeuro2013-620x350Che emozione. Siamo tutti pronti a scendere in campo per sostenere la nostra Nazionale che affronta questa sera la Lituania (diretta Raisport1 ore 21:00) nei quarti di finale di Eurobasket 2013. E’ dalla finale delle Olimpiadi di Atene 2004 (persa contro l’Argentina) che non vivevamo un’emozione così grande. In tutti questi anni gli Azzurri del Basket non sono riusciti mai ad arrivare alle partite che contano. Per parlare solo degli Europei, non siamo andati oltre il 9° posto nell’edizione del 2005 e del 2007 mentre nel 2009 non abbiamo nemmeno partecipato in quanto fuori nel girone di qualificazione e nel 2011 abbiamo ottenuto un anonimo 17° posto. Siamo partiti lasciando a casa tre quinti del quintetto base (Gallinari-Bargnani-Hackett) che per infortunio non hanno potuto essere presenti a questo campionato Europeo. Le amichevoli di preparazione all’Europeo di questa estate, non erano sicuramente rassicuranti. Eppure partita dopo partita siamo cresciuti e siamo riusciti a costruirci il rispetto dell’avversario. Abbiamo chiuso il primo girone a punteggio pieno, battendo squadre dal pedigree importante. Abbiamo affrontato il secondo girone, forse pagando un po’ troppo lo sforzo iniziale, perdendo dalla Slovenia e dalla Croazia ma anche queste sconfitte, siamo riusciti a trasformare in un momento di crescita. Ed infine abbiamo vinto contro la Spagna, recuperando un gap di 15 punti e costringendo, i campioni d’Europa delle ultime due edizioni e probabilmente una delle squadre più forti del pianeta, al tempo supplementare mettendo in campo il carattere che solo una squadra che non si da mai per vinta può avere. Adesso potremmo parlare di statistiche, di quanto siano importanti le percentuali al tiro di questo e quel giocatore, di quanto sia stato più determinante uno o di quanti rimbalzi abbia preso l’altro. Ma la verità è che la forza di questa squadra sta nel gruppo ed è per questo motivo che abbiamo deciso di chiamare la nostra Nazionale per questo campionato Europeo “Gruppo Italia”. Un gruppo costruito, allenamento dopo allenamento attraverso il serio lavoro in palestra, dal nostro Coach Simone Pianigiani e dal suo staff. Un Pianigiani che è orgoglioso dei suoi ragazzi e che addirittura nell’intervista dopo la vittoria contro la Spagna parla del “sacrificio” che stanno facendo i nostri giocatori in campo, prendendo ad esempio Nicolò Melli, che ha fatto l’impossibile per arginare Marc Gasol (miglior difensore della NBA di questa stagione) ingaggiando un duello fatto di sportellate e botte (sportivamente parlando). Ed oggi eccoci qui,  a giocare questo quarto di finale importantissimo. Una partita dura ci aspetta contro la Lituania. Squadra talentuosa, con vari giocatori che calcano i parquet americani dell’Nba, come ad esempio Valanciunas e Kleiza che nella stagione passata hanno giocato con i Toronto Raptors e Motiejunas che veste la maglia degli Houston Rockets. Il 27 agosto, durante le partite amichevoli di preparazione a questo europeo, gli Azzurri hanno affrontato ad Atene la Lituania vincendo nettamente per 79-63. “E’ passato un po’ di tempo da allora – dice Simone Pianigiani – e sono cambiate molte cose. Allora avevamo in campo Mancinelli e Datome non prese parte all’incontro. Avevamo una consapevolezza diversa anche se ci ricordiamo ancora benissimo i 20 punti presi in contropiede, cosa che dobbiamo assolutamente evitare questa volta”. Tutto parte dall’attacco per Pianigiani che vede nella loro difesa più di un’insidia: “Tutto partirà dal nostro attacco, perché in difesa proveremo a resistere e in alcuni casi subiremo ma davanti sarà importante avere la capacità di tenere le nostre caratteristiche contro la loro stazza (la Lituania è la squadra più alta di tutto il campionato Europeo ndr.), che inevitabilmente ci darà fastidio. I giocatori lituani possono benissimo ‘zonare’, prendere spazio con le braccia per toccare i passaggi nei nostri penetra-e-scarica. Di volta in volta saremo braccati e troveremo l’area piena. Dovremo essere bravi a non perdere palloni e a produrre in attacco. Poi c’è il fattore Kleiza, giocatore che i compagni cercano spesso con giochi appositamente creati per lui”. Sarà durissima ma la vittoria vale la semifinale. Si la semifinale.

Marco Luzi

Il quadro completo dei Quarti di Finale
Serbia-Spagna 60-90
Slovenia-Francia 62-72
Ucraina-Croazia (Giovedì 19 settembre, ore 17.45)
Italia-Lituania (Giovedì 19 settembre, ore 21.00)

Il roster della Lituania
4 Motiejunas Donatas (’90, 213, PF, Houston Rockets – USA)
5 Kalnietis Mantas (’86, 195, PG, Lokomotiv Kuban – RUS)
6 Kuzminskas Mindaugas (’89, 205, F, Unicaja Malaga – SPA)
7 Lavrinovic Darjus (’79, 212, FC, Budivelnik – UCR)
8 Maciulis Jonas (’85, 198, F, Panathinaikos – GRE)
9 Delininkaitis Tomas (’82, 191, PG, Cherkasy – UCR)
10 Seibutis Renaldas (‘85, 196, GF, Lietuvos Rytas – LIT)
11 Kleiza Linas (’85, 203, PF, Fenerbahce – TUR)
12 Lavrinovic Ksystof (’79, 210, FC, Zalgiris Kaunas – LIT)
13 Pocius Martynas (’86, 196, GF, Zalgiris Kaunas – LIT)
14 Valanciunas Jonas (’92, 211, C, Toronto Raptors – USA)
15 Javtokas Robertas (’80, 211, C, Zalgiris Kaunas – LIT)
Coach: Jonas Kazlauskas

Il percorso dei baltici all’EuroBasket 2013

Prima fase
Serbia-Lituania 63-56
Lituania-Macedonia 75-67
Lettonia-Lituania 59-67
Lituania-Montenegro 77-70
Lituania-Bosnia Erzegovina 72-78

Seconda fase
Lituania-Francia 76-62
Lituania-Belgio 86-67
Ucraina-Lituania 63-70

I precedenti Azzurri contro la Lituania
26 partite giocate (10 vinte/16 perse)
6 partite giocate nelle fasi finali del Campionato Europeo (6 perse)
La prima: Campionato Europeo, 3 maggio 1937 (Riga, Lettonia), Italia-Lituania 20-22
L’ultima: Amichevole, 27 agosto 2013 (Atene, Grecia), Italia-Lituania 63-79
La vittoria più larga: Amichevole, 1 dicembre 1999 (Trieste), Italia-Lituania 80-64 (16)
La sconfitta più pesante: Amichevole, 8 giugno 1992 (Atene, Grecia), Italia-Lituania 94-116 (22)

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.