Eurobasket 2013: Italia Montenegro, la partita che cambia l’Europeo

Eurobasket 2013: Italia Montenegro, la partita che cambia l’Europeo
Eurobasket 2013 women

Eurobasket 2013 women

Domani alle ore 14.00 (diretta su Sportitalia2) la Nazionale Femminile torna in campo per affrontare l’ultimo impegno della seconda fase dell’EuroBasket Women. Contro il Montenegro, infatti, le Azzurre hanno la possibilità di ottenere l’accesso ai quarti di finale. Una vittoria permetterebbe di passare addirittura come terze, mentre una sconfitta riapre i giochi, portando avanti anche la Svezia. Per l’Italia quella di domani è l’occasione per dimostrare che non si trova a questi Europei per caso e soprattutto che la sconfitta con la Russia e il rocambolesco passaggio per differenza canestri non è stato un “regalo” inutile della fortuna. Diciamolo, se si vince, Ricchini, Sottana & Co possono andare fiere del loro EuroBasket, magari giocando in scioltezza e provando anche a fare il colpaccio nei quarti contro la seconda dell’altro girone o magari nella partita successiva, per riuscire ad entrare tra le prime cinque. Se invece le azzurre dovessero perdere, allora si tratterebbe di una partecipazione fallimentare, soprattutto perché la partita “dentro-fuori” contro il Montenegro non è di quelle impossibili… anzi.
Già affrontata ed affondata nelle amichevoli di preparazione a Belgrado, il Montenegro non è squadra irresistibile, essendo stata battuta anche dalla Svezia, sicuramente più in palla dell’Italia nonostante la sconfitta con noi all’esordio. Anzi, se proprio vogliamo essere sinceri, se le Scandinave non avessero perso per un punto, a quest’ora, con i successi che sono poi riuscite a mettere insieme, sarebbero già qualificate anche per i quarti (mentre noi già a casa).
Questa mattina le Azzurre hanno analizzato il video della partita vinta con la Slovacchia e soprattutto hanno studiato il Montenegro, che dispone di rotazioni piuttosto ridotte ma le sue interpreti principali (in particolare la stella Dubljevic ma anche Perovanovic e le esterne Skerovic, Aleksic e De Forge) sono abituate da anni a giocare in Eurolega. Due anni fa la squadra di Baletic ha terminato l’Europeo al sesto posto chiudendo un po’ in affanno, la speranza è che domani lo smalto esibito dal Montenegro nella prima fase possa essersi esaurito, con cinque partite nelle gambe.
Nel pomeriggio l’Italia si è allenata, tutte le giocatrici sono a disposizione di Ricchini perché anche la distorsione di Ilaria Zanoni fortunatamente si è rivelata meno grave del previsto. “La vittoria con la Slovacchia è stata una boccata d’ossigeno e ci ha fatto ritrovare fiducia – ha spiegato Giorgia Sottana, 22 punti ieri e quarta marcatrice assoluta della manifestazione con 15.0 punti – siamo molto cariche perché sappiamo che domani abbiamo un’opportunità che non capita tutti i giorni. Credo che la chiave della partita sia nel ritmo, se riusciamo a tenerlo alto limitando le palle perse e senza perdere la concentrazione alla fine possiamo spuntarla”.
Come detto, vincendo l’Italia ha la possibilità di chiudere al terzo posto e di evitare così la prima classificata del girone F, che con ogni probabilità sarà la Francia padrona di casa: come con la Russia, d’altra parte, sarà importante giocare col punteggio e col cronometro nel caso in cui di un arrivo in volata. Palla a due contro il Montenegro alle ore 14.00: diretta su Sportitalia2, telecronaca di Matteo Gandini e Umberto Alliori.

Lille, ore 14.00: Italia-Montenegro (diretta su Sportitalia2)
ITALIA
4 Francesca Dotto (’93, 1.69, playmaker)
5 Martina Fassina (’88, 1.82, ala)
6 Sabrina Cinili (’89, 1.90, ala)
7 Giorgia Sottana (’88, 1.78, play-guardia)
8 Giulia Gatti (’89, 1.68, playmaker)
9 Ilaria Zanoni (’86, 1.80, ala)
10 Gaia Gorini (’92, 1.82, playmaker)
11 Raffaella Masciadri (’80, 1.85, ala)
12 Abiola Wabara (’81, 1.83, ala-centro)
13 Benedetta Bagnara (’87, 1.78, guardia)
14 Kathrin Ress (’85, 1.96, centro)
15 Alessandra Formica (’93, 1.90, ala-centro)
Coach: Roberto Ricchini

MONTENEGRO
4 Milena Bajic (ala, 1.84, ’96)
5 Jelena Skerovic (guardia, 1.77, ’80)
6 Anna DeForge (guardia, 1.79, ’76)
7 Ana Baletic (ala, 1.85, ’85)
8 Natasa Popovic (centro, 1.90, ’82)
9 Snezana Aleksic (guardia, 1.73, ’89)
10 Jelena Dubljevic (ala-centro, 1.88, ’87)
11 Milka Bjelica (ala-centro, 1.92, ’81)
12 Iva Perovanovic (centro, 1.88, ’83)
13 Ana Turcinovic (centro, 1.89, ’93)
14 Milica Jovanovic (ala, 1.89, ’89)
15 Jelena Culafic (guardia, 1.75, ’89)
Coach: Miodrag Baletic

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.