Esordio con sconfitta per la Nazionale Femminile a EuroBasket Women 2021 (17-27 giugno, Strasburgo e Valencia): le Azzurre cedono alla Serbia 81-86 dopo un overtime al termine di una partita tanto bella quanto equilibrata.

Il ko non compromette in alcun modo il percorso della squadra di Lino Lardo, che ha saputo giocare alla pari con una delle favorite per il successo finale, dimostrando importanti progressi dal punto di vista del gioco. Un po’ meno per quanto riguarda la tenuta mentale, in quanto la sconfitta all’overtime arriva dopo aver condotto, durante i tempi regolamentari, per lunghi tratti.

La miglior marcatrice Azzurra è stata Cecilia Zandalasini con 18 punti, in doppia cifra anche Debora Carangelo e Martina Bestagno a quota 12. Sonja Vasic la top scorer della Serbia con 27 punti.

Oggi le Azzurre tornano in campo per affrontare il Montenegro, che oggi all’esordio ha sconfitto 70-55 la Grecia: diretta della partita dalle ore 15.00 su SkySport1HD.

Coach Lardo: “La sconfitta brucia ma giocare alla pari contro uno squadrone come la Serbia deve darci ancora più fiducia. Ovviamente c’è delusione per come si è materializzata la sconfitta perché siamo arrivati a un passo dal successo ma usciamo dalla partita con orgoglio. Ora abbiamo poche ore per recuperare le energie, domani ci attende una sfida ancora più importante”.

Così Lorela Cubaj: “Partita difficile, siamo dispiaciute per come è finita ma dobbiamo guardare avanti, siamo appena all’inizio del nostro Europeo”.

Lardo ha scelto Carangelo, Zandalasini, Cinili, Andrè e Bestagno per il quintetto iniziale. Come prevedibile, la tensione dell’esordio ha dominato i primi minuti: le triple di Vasic e Brooks ci hanno spaventato (10-16) ma immediata è arrivata la risposta delle Azzurre con l’ingresso in campo di Cubaj, 4 punti e 3 rimbalzi in un amen. Di Pan le triple del pareggio e del 22-19, l’Italia non è mai riuscita ad andare oltre i 5 punti di vantaggio: nel momento di massima difficoltà Maljkovic si è affidata ad Anderson, 10 punti nel secondo quarto. A fil di sirena Carangelo ha messo i liberi per il 39-37 col quale si è andati all’intervallo lungo..

Nel secondo tempo l’Italia ha prima allungato grazie a Keys e Bestagno e poi trovato il massimo vantaggio sul +10 (68-58) a 4 minuti dalla fine con i liberi di Romeo. La Serbia non si è arresa neanche quando si è trovata sul -6 a 60 secondi dalla sirena. Le triple di Vasic e Brooks e un paio di palle perse dalle Azzurre hanno consentito alla Serbia di pareggiare prima della sirena (74 pari).

All’overtime ci ha illuso subito la tripla di Carangelo ma col passare dei minuti la Serbia ha preso il controllo e chiuso sull’86-81. Fa male, ma domani è un altro giorno.

La formula dell’Europeo prevede che le prime classificate dei quattro gruppi accedano direttamente ai quarti di finale e che le seconde e le terze si affrontino nello spareggio che vale l’accesso alle prime otto. Le Azzurre incrocerebbero il girone A (Spagna, Slovacchia, Bielorussia e Svezia). La fase finale della competizione (semifinali e finali) si giocherà tutta a Valencia.

Le prime sei classificate dell’EuroBasket Women 2021 accedono al torneo pre-Mondiale che si giocherà a febbraio 2022 e che qualifica per la FIBA Women’s Basketball World Cup in programma a Sydney (Australia) dal 22 settembre all’1 ottobre 2022.

Serbia-Italia d1ts 86-81 (19-19; 37-39; 52-57; 74-74)

Serbia: Vasic 27 (6/12, 3/5), Cadjo (0/1 da 3), Jovanovic 3 (0/1), Brooks 14 (4/14, 2/3), Butulija (0/2 da 3), Crvendakic 7 (2/2, 1/3), Anderson 18 (5/7, 0/1), Dabovic 7 (4/6, 1/3), Skoric 2 (1/2), Jankovic ne, Dugalic (0/1), Krajisnik 8 (3/4, 0/1). All. Maljkovic

Italia: Keys 5 (2/3, 0/1), Romeo 8 (0/1, 2/4), Bestagno 12 (2/4, 0/1), Carangelo 12 (2/7 da 3), Zandalasini 18 (4/9, 2/11), Pan 9 (1/5, 2/5), De Pretto ne, Andrè 5 (2/6), Cinili (0/1, 0/1), Attura (0/1 da 3), Cubaj 9 (4/10), Penna 3 (1/2 da 3). All. Lardo

Tiri liberi: Ser 19/22; Ita 24/30.
Rimbalzi: Ser 44; Ita 47.
Palle perse: Ser 17; Ita 17.
Palle recuperate: Ser 12; Ita 8.
Assist: Ser 21; Ita 15.
Falli: Ser 28; Ita 22.

Arbitri: Amy Bonner (USA), Ozlem Yalman (Turchia), Thomas Bissuel (Francia).

Italia

#0 Jasmine Keys (1997, 1.90, A-C, Famila Schio)
#3 Nicole Romeo (1989, 1.70, P, Passalacqua Ragusa)
#4 Martina Bestagno (1990, 1.89, C, Umana Venezia)
#5 Debora Carangelo (1992, 1.68, P, Umana Venezia)
#9 Cecilia Zandalasini (1996, 1.85, A, Fenerbahce – Turchia)
#11 Francesca Pan (1997, 185, G-A, Umana Venezia)
#13 Valeria De Pretto (1991, 1.85, A, Famila Schio)
#22 Olbis Andrè (1998, 1.86, C, Famila Schio)
#23 Sabrina Cinili (1989, 1.91, A, Famila Schio)
#30 Beatrice Attura (1994, 1.75, P, Umana Venezia)
#31 Lorela Cubaj (1999, 1.96, C, Georgia Tech – USA)
#41 Elisa Penna (1995, 1.90, A, Umana Venezia)

All. Lino Lardo

Montenegro

#1 Jelena Dublijevic (1987, 1.91, A)
#5 Jovana Pasic (1992, 1.83, A)
#8 Dragana Zivkovic (2001, 1.79, G)
#9 Snezana Aleksic (1989, 1.73, P)
#10 Kristina Rakovic (1994, 1.85, A)
#11 Bozica Mujovic (1996, 1.76, P)
#12 Milena Jaksic (1998, 1.83, G)
#13 Bojana Kovacevic (1996, 1.86, A)
#19 Violeta Lazarevic (1997, 1.90, C)
#25 Marija Lekovic (2003, 1.66, P)
#30 Milica Jovanovic (1989, 1.89, A)
#34 Markeisha Gatling (1992, 1.96, C)

All. Jelena Skerovic

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta