Pronta reazione della Nazionale Femminile all’EuroBasket Women 2021 che dopo il rocambolesco ko con la Serbia all’esordio si sono imposte sul Montenegro 77-61.

Domani giornata di riposo, le Azzurre tornano in campo domenica per affrontare la Grecia, che oggi è stata sconfitta anche dalla Serbia (51-85), dopo il ko all’esordio col Montenegro: diretta della partita dalle ore 18.00 su SkySportArenaHD.

La miglior marcatrice Azzurra è stata Debora Carangelo con 13 punti, in doppia cifra anche Martina Bestagno (10), Cecilia Zandalasini (11) e Olbis Andrè (10). Tutte le Azzurre sono entrate in campo e sono andate a segno.

L’analisi di coach Lardo alla vigilia dell’esordio: “Innanzitutto, doverose le congratulazioni al Montenegro, soprattutto per la difesa che ci ha messo in difficoltà. Temevamo un po’ di pressione dopo la sconfitta di ieri ma sono contento della reazione messa in campo dalla squadra. Negli occhi delle mie giocatrici ho visto la voglia di giocare e di vincere, di farlo insieme e affidandosi al nostro sistema. L’abbiamo vinta in difesa, poi col passare dei minuti abbiamo trovato fluidità anche in attacco”.

Il commento di Martina Bestagno: “Vinta di squadra: quattro in doppia cifre, tutte a segno, tutti dati molto significativi. Siamo contente di aver reagito nel modo giusto, ora che abbiamo ritrovato il sorriso siamo ancora più pronte ad affrontare le prossime partite”.

Lardo ha scelto Carangelo, Zandalasini, Penna, Andrè e Bestagno per il quintetto iniziale. L’Italia è partita col piede giusto, ispirata dall’immediata tripla di Bestagno: Carangelo e Andrè hanno bucato la difesa giallorossa fino al 14-8, poi Dubljevic e Gatling hanno siglato il 6-0 che ha ristabilito la parità.

Le Azzurre hanno ritrovato fluidità offensiva con l’ingresso in campo di Attura (7 punti nel primo tempo) e trovato il 9-0 che ci ha illuso sul 23-14. Chiuso il primo quarto sul 25-17, però, il nostro digiuno offensivo nei primi 5 minuti del secondo periodo ha permesso al Montenegro di tornare a contatto (25-23). Di Zandalasini e Bestagno i punti che ci hanno spedito all’intervallo lungo sul +7 (34-27).

In avvio di terzo periodo l’Italia ha trovato la fuga giusta: i giochi da tre punti di Penna e Cinili ci hanno spinto sul +13 (45-32) e da quel momento la partita ha trovato un padrone fino alla sirena finale. Calata un po’ alla distanza Dubljevic, il Montenegro è riuscito solo a limitare il passivo dopo essere scivolata a -25 (72-47). Tutte protagoniste le Azzurre, brave a rimanere dentro alla partita dopo un primo tempo in chiaroscuro.

La formula dell’Europeo prevede che le prime classificate dei quattro gruppi accedano direttamente ai quarti di finale e che le seconde e le terze si affrontino nello spareggio che vale l’accesso alle prime otto. Le Azzurre incrocerebbero il girone A (Spagna, Slovacchia, Bielorussia e Svezia). La fase finale della competizione (semifinali e finali) si giocherà tutta a Valencia.

Le prime sei classificate dell’EuroBasket Women 2021 accedono al torneo pre-Mondiale che si giocherà a febbraio 2022 e che qualifica per la FIBA Women’s Basketball World Cup in programma a Sydney (Australia) dal 22 settembre all’1 ottobre 2022.

Italia-Montenegro 77-61 (25-17; 34-27; 59-44)

Italia: Keys 2 (0/1 da 3), Romeo 2 (1/2, 0/1), Bestagno 10 (1/2, 2/2), Carangelo 13 (1/1, 3/4), Zandalasini 11 (4/7, 0/1), Pan 4 (1/5, 0/1), De Pretto 3 (1/1), Andrè 10 (5/7, 0/1), Cinili 6 (0/2, 2/2), Attura 9 (3/4, 1/5), Cubaj 4 (1/4), Penna 3 (1/4, 0/2). All. Lardo

Montenegro: Dublijevic 23 (7/14, 2/4), Pasic (0/1, 0/3), Zivkovic 9 (1/3, 2/3), Aleksic (0/1 da 3), Rakovic (0/1 da 3), Mujovic 2 (1/2, 0/2), Jaksic ne, Kovacevic 1 (0/2 da 3), Lazarevic ne, Lekovic ne, Jovanovic 17 (2/4, 4/7), Gatling 9 (4/8). All. Skerovic

Tiri liberi: Ita 15/17; Mon 7/10.
Rimbalzi: Ita 32; Mon 28.
Palle perse: Ita 14; Mon 20.
Palle recuperate: Ita 7; Mon 6.
Assist: Ita 15; Mon 15.
Falli: Ita 18; Mon 19.
Arbitri: Ozlem Yalman (Turchia), Thomas Bissuel (Francia), Geert Jacobs (Belgio).

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta