Il momento è arrivato. Dopo 26 giorni di raduno, oggi le Azzurre faranno il loro esordio all’EuroBasket Women 2021, torneo che si giocherà dal 17 al 27 giugno tra Strasburgo e Valencia.

Sarà proprio la città spagnola a ospitare il battesimo dell’Italia, che scenderà in campo contro la Serbia alle ore 18.00 (diretta SkySport1HD). Il 18 si replica col Montenegro (ore 15.00), il 20 l’ultimo impegno del girone B contro la Grecia (ore 18.00). Tutte le partite saranno trasmesse in diretta sui canali di SkySportHD.

Dopo l’ultimo allenamento di ieri, lo staff tecnico coordinato da Lino Lardo ha sciolto le ultime riserve selezionando le 12 Azzurre che prenderanno parte all’Europeo. Martina Fassina e Mariella Santucci, gli ultimi ‘tagli”, sono state autorizzate a lasciare il raduno e in giornata faranno il loro rientro in Italia.

L’analisi di coach Lardo alla vigilia dell’esordio: “Innanzitutto, il doveroso ringraziamento a Mariella Santucci e Martina Fassina. Non è stato facile decidere di lasciarle fuori, soprattuto ora che siamo a ridosso dell’esordio. Nonostante la giovane età, hanno dimostrato personalità e dedizione, fanno parte del nostro gruppo a tutti gli effetti. Quanto alla partita con la Serbia, pensiamo di aver fatto un buon lavoro in queste settimane e arriviamo alla vigilia dell’Europeo con la testa, la forma e il cuore giusti. Abbiamo avuto qualche acciacco durante il percorso ma ora siamo pronti ad affrontare una competizione che ci mette subito alla prova con un girone molto insidioso. Ci è mancata l’ultima amichevole che non abbiamo potuto giocare con la Spagna per completare il rodaggio ma dopo tanti giorni di allenamento davvero non vediamo l’ora di giocare per qualcosa che conta. La Serbia è una delle favorite per la vittoria finale, dovremo giocare con coraggio e provare a tenere il ritmo alto perché a metà campo sono esperte ed efficaci in tutti i ruoli. Proveremo a mettere qualche granello di sabbia nel loro ingranaggio ma vogliamo e dobbiamo anche fare affidamento sul nostro talento, non solo preoccuparci di limitare le qualità altrui”.

La Serbia è la prima testa di serie del nostro girone: all’EuroBasket ospitato due anni fa a Belgrado, Vasic e compagne hanno chiuso al terzo posto e ottenuto la qualificazione al torneo preolimpico che poi ha permesso loro di staccare il biglietto per Tokyo. Dove la Serbia sarà alla seconda partecipazione consecutiva ai Giochi Olimpici, dopo l’EuroBasket Women vinto nel 2015 a Budapest e il quarto posto ottenuto in Francia nel 2013.

Squadra esperta e smaliziata (età media intorno ai 30 anni), quella di Maljkovic, che ha in Ana Dabovic, Sonia Vasic e Jelena Brooks le leader: la novità è rappresentata da Yvonne Anderson, talentuosa esterna col doppio passaporto che ha giocato quest’anno a Venezia. L’ultimo precedente tra le due squadre risale all’EuroBasket Women 2013, quando la Serbia ci sconfisse 85-79 nei quarti di finale al termine di una partita controllata per 39 minuti dalle Azzurre. Il bilancio complessivo ci vede soccombere, 2 vittorie e 4 sconfitte.

Sono cinque le Azzurre che domani giocheranno la loro prima partita in un Campionato Europeo (Attura, Bestagno, Carangelo, Keys, Pan): la più navigata è il capitano Sabrina Cinili, in campo già nelle edizioni del 2013, 2017 e 2019. La nostra Nazionale è comunque una delle più giovani tra le 16 partecipanti all’EuroBasket Women: solo tre le Over 30, sei le Under 26. La più giovane è la 22enne Lorela Cubaj, esattamente come due anni fa in Serbia.

La formula dell’Europeo prevede che le prime classificate dei quattro gruppi accedano direttamente ai quarti di finale e che le seconde e le terze si affrontino nello spareggio che vale l’accesso alle prime otto. Le Azzurre incrocerebbero il girone A (Spagna, Slovacchia, Bielorussia e Svezia). La fase finale della competizione (semifinali e finali) si giocherà tutta a Valencia.

Le prime sei classificate dell’EuroBasket Women 2021 accedono al torneo pre-Mondiale che si giocherà a febbraio 2022 e che qualifica per la FIBA Women’s Basketball World Cup in programma a Sydney (Australia) dal 22 settembre all’1 ottobre 2022.

Italia-Serbia (ore 18.00, diretta SkySport1HD)

Italia

#0 Jasmine Keys (1997, 1.90, A-C, Famila Schio)
#3 Nicole Romeo (1989, 1.70, P, Passalacqua Ragusa)
#4 Martina Bestagno (1990, 1.89, C, Umana Venezia)
#5 Debora Carangelo (1992, 1.68, P, Umana Venezia)
#9 Cecilia Zandalasini (1996, 1.85, A, Fenerbahce – Turchia)
#11 Francesca Pan (1997, 185, G-A, Umana Venezia)
#13 Valeria De Pretto (1991, 1.85, A, Famila Schio)
#22 Olbis Andrè (1998, 1.86, C, Famila Schio)
#23 Sabrina Cinili (1989, 1.91, A, Famila Schio)
#30 Beatrice Attura (1994, 1.75, P, Umana Venezia)
#31 Lorela Cubaj (1999, 1.96, C, Georgia Tech – USA)
#41 Elisa Penna (1995, 1.90, A, Umana Venezia)

All. Lino Lardo

Serbia

#5 Sonia Vasic (1989, 1.89, A, Girona – Spagna)
#6 Sasa Cadjo (1989, 1.78, A, Carolo Flames – Francia)
#8 Nevena Jovanovic (1990, 1.79, A, Sopron – Ungheria)
#9 Jelena Brooks (1989, 1.90, A, Sopron – Ungheria)
#10 Dajana Butulija (1986, 1.75, G, Wroclaw – Polonia)
#11 Aleksandra Crvendakic (1996, 1.87, A-C, Lione – Francia)
#12 Yvonne Anderson (1990, 1.75, P-G, Umana Venezia)
#23 Ana Dabovic (1989, 1.83, G-A, Montpellier – Francia)
#24 Maja Skoric (1989, 1.84, A, KSC Szekszard)
#25 Masa Jankovic (2000, 1.87, A, Stella Rossa)
#32 Angela Dugalic (2001, 1.93, A, Maine West High School – USA)
#33 Tina Krajisnik (1991, 1.90, C, Galatasaray – Turchia)

All. Marina Maljkovic

 

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta