Basilea – Nicola Bartolini a un passo dalla carta olimpica per l’Italia. Con Stefano Patron centra la finale a 24 europea e quella individuale al corpo libero. Macchini in finale alla sbarra e Maresca agli anelli.

Dopo essere stato componente della squadra che ha mancato di un soffio la qualificazione olimpica al mondiale di Stoccarda 2019, Nicola Bartolini sfiora nuovamente il pass a 5 Cerchi per l’Italia al Campionato Europeo individuale di Basilea, in Svizzera. Le due carte in palio all’Europeo di Basilea se le aggiudicano il russo Aleksandr Kartsev e il turco Adem Asil. Solo al termine del circuito delle Coppe del Mondo verranno decretati gli ultimi posti e le riallocazioni in base ai criteri di qualificazione olimpica.

Il talento di Quartu Sant’Elena – classe 1996 – ha condotto fin da subito una gara impeccabile. Per metà è andato a braccetto con il suo compagno di rotazioni, Stefano Patron (Spes Mestre), anche lui generalista su tutti e sei gli attrezzi. I due azzurri, infatti, al volteggio avevano lo stesso punteggio (40.299). La differenza l’ha fatta la parallela. Da lì Bartolini (Pro Patria Bustese) ha accelerato il passo e, dopo gli ultimi due attrezzi, si è assicurato l’ottavo posto in classifica di qualificazione con il totale di 82.157 punti e la finale al corpo libero con il sesto punteggio (14.558).

Il ventiduenne veneziano, invece, ha terminato la sua qualifica europea al 13° posto (pt. 80.698) precedendo di poco l’altro azzurro in gara sul programma completo, Loreno Minh Casali (Giovanile Ancona), 14° con 80.364 (fuori dalla finale per la regola di ammissione di due soli ginnasti per nazione). Salvatore Maresca e Carlo Macchini, invece, avrebbero fatto alzare tutto il pubblico della St. Jakobs Arena in piedi, se solo l’evento non fosse stato a porte chiuse a causa della pandemia. Maresca ha preso il terzo miglior punteggio nella sua specialità, gli anelli, dietro al campione olimpico in carica, Eleftherios Petrounias e all’armeno Vahagn Davtyan. Il talento della Ginnastica Salerno rivedrà i migliori otto ginnasti europei nella finale di sabato (dalle 15.10 alle 16.10). L’atleta di Castellamare di Stabia – classe 1993 – con la sua routine sul castello svizzero ha totalizzato 14.933 punti. Stesse emozioni per Carlo Macchini, agente delle Fiamme Oro della Polizia di Stato che si allena alla Fermo ’85. Dopo il suo esercizio alla sbarra si è qualificato per la final eight di domenica (dalle 15 alle 15.40) con 14.066 punti. Niente da fare purtroppo per Edoardo De Rosa (Ares Cinisello) che puntava alla finale con il cavallo con maniglie. Il campione europeo junior di Glasgow 2018 ha commesso un errore durante l’esercizio che lo ha costretto fuori dai migliori otto.

Appuntamento a domani dunque per la prima giornata di finali, quella dedicata ai concorsi generali in diretta su Rai Sport HD e in streaming su Rai Sport web.

Venerdì 23 aprile > DIRETTA Rai Sport web (dalle 13:30 alle 15:30) della finale All-Around femminile
Venerdì 23 aprile > DIRETTA RAI Sport HD (dalle 17.00 alle 19.40) della finale All-around maschile
Sabato 24 aprile DIRETTA RAI Sport HD (dalle 13:30 alle 15:50) della prima giornata di finali per attrezzo
Domenica 25 aprile DIRETTA Rai Sport web (dalle 13.00 alle 15.55) della seconda giornata di finali per attrezzo.

In allegato foto (Simone Ferraro/FGI)

Classifiche

SENIORS – Individual – Qualification AllAroundResultsMag
SENIORS – Individual – Qualification Floor exercise ApparatusResultsMag
SENIORS – Individual – Qualification Horizontal bar ApparatusResultsMag
SENIORS – Individual – Qualification Parallel bars ApparatusResultsMag
SENIORS – Individual – Qualification Pommel horse ApparatusResultsMag
SENIORS – Individual – Qualification Rings ApparatusResultsMag
SENIORS – Individual – Qualification Vault 2 ApparatusResultsMag

Avatar
Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta