Europei Artistica a Berna, Azzurrini 6° nel concorso a squadre

Gli azzurrini sesti nella gara dominata dai pari età britannici. Lorenzo Galli in due finali, nell’all-around con Luca Lino Garza e alla sbarra.

Europei Artistica a Berna, Azzurrini 6° nel concorso a squadre

Tra gli junior nella gara di ieri la Gran Bretagna si è confermata la squadra giovanile più forte del vecchio continente, bissando con il totale di 253.436 il titolo di Sofia 2014. E come in Bulgaria nella precedente edizione Regini Moran, il campione al corpo libero in carica, e i suoi compagni si sono lasciati alle spalle un’indomita Russia, costretta ancora una volta sulla piazza d’onore con 252.061, malgrado alcune individualità davvero interessanti. Al terzo posto troviamo i padroni di casa della Svizzera che con 249.959 riescono a scalzare di un’incollatura la Francia (248.562), bronzo uscente. Leggermente più staccate la Germania, quinta a quota 243.094, e l’Italia che con 242.084 ha ceduto il passo solo all’ultimo attrezzo. Tedeschi ed azzurri hanno dato vita ad un testa a testa di calcistica memoria, mostrando comunque un’ottima ginnastica.

I ragazzi di Maurizio Allievi, seguiti in campo gara da Paolo Pedrotti e Gianmatteo Centazzo, si sono presentati in campo internazionale con il piglio dei veterani, mettendo in evidenza il buon lavoro impostato nelle rispettive società e durante i collegiali. Con queste premesse il DTN potrà di certo lavorare bene per impostare il gruppo del futuro. L’obiettivo di portare due rappresentanti tra i 24 d’Europa è stato centrato grazie all’11ª piazza di Lorenzo Galli, raggiunta con il personale di 79.965 (e sarebbe stato più alto senza la caduta – pronti via – sul Tabak raccolto, in prima diagonale al corpo libero), e la 14ª di Luca Lino Garza, che, malgrado l’errore sul Tkatchev divaricato alla sbarra, sale a 79.632. Resta fuori Stefano Patron, 26° con 77.814, penalizzato da un errore nella contro kippe in parallela con successiva caduta sul Tippelt, ma comunque fondamentale in quattro attrezzi su sei per il risultato di squadra. Eroico Nicolò Mozzato, che conclude la gara nonostante un leggero malessere nella parte finale, forse dovuto alla tensione dell’esordio. L’atleta della Spes Mestre è stato immediatamente sottoposto ad accertamenti da parte del medico della nazionale, la dottoressa Clara Mauri, affiancata dal fisioterapista Salvatore Scintu. Anche il terzo mestrino, Filippo Castellaro, fermo nel primo turno e con un passaggio a vuoto al cavallo con maniglie, ha poi, a sua volta, carburato, portando punti preziosi agli anelli.

Da evidenziare, infine, la finale alla sbarra strappata con le unghie da Lorenzo Galli, già prima riserva al cavallo. Il 13.633 (D. 4.800 – E. 8.833) della stella dell’Ass.Dil. Eur è il quinto miglior parziale di specialità, a poco più di un decimo dal terzo. Non è bastato invece a Garza il 13.849 di media al volteggio – frutto di un 14.166 sul doppio avvitamento e di un 13.466 sulla ribaltata salto teso con mezzo giro – per entrare nella best eight. La finale all-around di venerdì 27 e quelle per attrezzo di domenica 29 ci restituiranno la meglio gioventù d’Europa, che, al di là del risultato di parte, incuriosisce addetti ai lavori ed appassionati. In palio c’è lo scettro del britannico Nile Wilson e tante medaglie, veri e propri certificati di qualità per la Ginnastica che verrà.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.