Europei Canoa Slalom Junior e Under 23, bronzo nel K1 a squadre

Europei Canoa Slalom Junior e Under 23, bronzo nel K1 a squadre
Giovanni de Gennaro, Luca Colazingari e Christian De Dionigi  agli Europei Canoa Slalom

Giovanni de Gennaro, Luca Colazingari e Christian De Dionigi agli Europei Canoa Slalom

Seconda giornata di gare all’Europei di Canoa Slalom junior e under 23 con l’Italia che dopo le due medaglie d’oro di venerdì, continua a collezionare podi continentali mettendo al collo il bronzo nella finale del K1 under 23 maschile a squadre.
Giovanni de Gennaro, Luca Colazingari e Christian De Dionigi volano sulle acque del tracciato macedone di Skopje chiudendo in 118.58, con un distacco di 3.17 dall’oro che va alla Polonia davanti alla Germania. Percorso tecnico e insidioso che spinge all’errore molte nazioni tanto che solo Italia e Spagna limitano i danni toccando una sola volta; tutte le altre nazioni, compresi polacchi e tedeschi, toccano almeno due volte. I due secondi che appesantiscono il tempo degli azzurri si registrano alla porta numero 19, la quintultima del tracciato.
Un bronzo che bilancia solo in parte la delusione registrata dai nostri colori nell’individuale del K1 under 23 con Giovanni De Gennaro e Luca Colazingari autori di due buone prove nelle quali però hanno avuto un ruolo decisivo le penalità. De Gennaro è 12esimo con un salto di porta (e 50 secondi di penalità, con 52.52 dal primo posto) senza i quali avrebbe chiuso a ridosso dei migliori tre; due salti di porta a Luca Colazingari, tredicesimo della generale. L’oro va al polacco Polaczyk davanti al francese Burgi e al ceco Prskavec. Trentesimo Cristian de Dionigi. Si ferma in semifinale invece anche la corsa del campione mondiale in carica Roberto Colazingari che nel C1 under 23 tocca alla porta numero 12 e fallisce l’accesso alla finalissima. Il suo è il 12esimo posto, ad appena 1.01 dalla qualifica alla finale. Il podio è tutto francese con Perron, Foulon e Le Friec sui tre gradini continentali.
Podio solo sfiorato invece nel C1 junior per il neocampione europeo individuale Raffaello Ivaldi che assieme a Paolo Ceccon e a Carlo Bullo chiude al quarto posto nella finale a squadre. L’oro va alla Repubblica Ceca in 131.54 davanti a Germania e Gran Bretagna. Italia quarta, con quattro secondi di penalità e 13.35 di ritardo dalla vetta. In linea con i migliori ma comunque giù dal podio anche la squadra del K1 junior capitanata dal fresco campione europeo Jakob Weger che assieme al fratello Matthias Weger e a Carlo Vianello; i tre azzurri chiudono al sesto posto in 133.18, appesantiti da ben sei tocchi di palina e conseguenti 12 secondi di penalità, decisivi per allontanare l’Italia dal podio. L’oro va alla Germania che precede l’Italia di 7.24; argento alla Spagna, bronzo alla Polonia.
Risultati e dettagli al link

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.