“Filippo Ganna ormai fa notizia quando non vince” è il pensiero della maggior parte dei commentatori presenti a Trento in occasione dei Campionati Europei 2021 dopo che il verbanese non è riuscito a vestire la maglia dell’Unione, che è tornata sulle spalle del campione uscente, lo svizzero Kung.

Non è però il caso di fasciarsi la testa. Lo racconta lo stesso Filippo in sala stampa: “Se mi devo disperare per un secondo posto ad un Europeo, allora cosa deve fare quello che è arrivato ultimo?

Oggi c’erano al via tanti campioni e non possiamo pensare che stessero qui per onor di firma. Siamo tanti specialisti sullo stesso livello e spesso la differenza la fanno i particolari, che significano poi pochi secondi di distacco, come è successo alle Olimpiadi o oggi. La maglia iridata comunque è ancora sulle mie spalle e combatterò fino all’ultimo, tra due settimane, perché ci resti.”

Davide Cassani non fa drammi: “Siamo in linea con la preparazione prevista. Ieri e oggi abbiamo fatto importanti sessioni di avvicinamento al mondiale… bene così.”

L’Italia continua a raccogliere medaglie a questi Europei. Nella prima gara della mattina Vittoria Guazzini si è laureata campionessa europea crono Under 23, affiancata sul podio, in terza posizione, dall’altra azzurra in gara, Elena Pirrone. Al termine della giornata, quindi, in bottino si è arricchito di un podio pieno (un oro, un argento e un bronzo), portando a quattro le medaglie complessive.

Oggi di scena le prime prove su strada.

Gli azzurri in gara venerdì 10

Juniores M (ore 9:00)
Ludovico Crescioli
Manuel Oioli
Giulio Pellizzari
Alessandro Pinarello
Alessandro Romele
Edoardo Zamperini

Juniores F (ore 14:00)
Francesca Barale
Monica Castagna
Matilde Ceriello
Eleonora Ciabocco
Carlotta Cipressi
Francesca Pellegrini

Under23 F (ore 16:00)
Camilla Alessio
Giorgia Bariani
Vittoria Guazzini
Barbara Malcotti
Gaia Realini
Silvia Zanardi

foto FCI/Bettini

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta