Europei Crono U23, Marinelli per il secondo argento di giornata

Europei Crono U23, Marinelli per il secondo argento di giornata
Davide Martinelli Nyon

Davide Martinelli sul podio degli Europei di Nyon

Non pensavo che mi potessi emozionare così tanto per una medaglia vinta da un giovane azzurro – ha detto Davide Cassani, ct della Nazionale, subito dopo l’argento di Davide Martinelli ai Campionati Europei Crono in svolgimento in Svizzerra –. Davide ha realizzato una gara impeccabile. E’ partito ad andatura molto elevata ed ha saputo mantenere il ritmo anche nel secondo giro, riuscendo così a gestire al meglio le sue energie. Sono soddisfatto anche per il buon piazzamento di Seid Lizde, che al primo anno nella categoria ha dimostrato il suo talento. Questi sono i primi frutti del lavoro che abbiamo iniziato a svolgere con i CT di categoria, con cui c’è un gran bel feeling, dando, attraverso i raduni, la giusta attenzione alla specialità. Mi sono emozionato e non lo nascondo: questi ragazzi sono il futuro del nostro movimento”.
In effetti l’Italia del pedale può gioire per questa giornata che lancia due giovani promesse nel firmamento delle gare contro il tempo agli Europei in svolgimento a Nyon, oltre a registrare lo sprint regale di Trentini al Tour e Nibali sempre più, autorevolmente, in maglia gialla.
A conquistare lo splendido argento, dopo l’identico risultato in mattinata di Alice Gasperini, è il campione italiano della specialità, Davide Martinelli nella cronometro U23 vinta dal padrone di casa, lo svizzero Stefan Kueg, favorito alla vigilia (33’55”). L’azzurro ha concluso i 26.9 km del percorso (13.45 km ripetuti due volte) a 24″ dal vincitore.
Con questa ottima performance, il bresciano, classe 1993 riporta l’Italia sul podio continentale dopo la vittoria di Adriano Malori del 2008.
“Questa medaglia mi ripaga dei sacrifici fatti – dice l’azzurro – Ho effettuato una preparazione mirata per questa corsa. Il mese scorso ho fatto una ricognizione del circuito e, vicino a casa, ho cercato un tracciato simile per allenarmi a ritmo gara. E’ andata bene! Ho centrato l’obiettivo, sono molto felice. Il prossimo pensiero? Naturalmente guardo a Ponferrada2014” – afferma Martinelli.
Sul terzo gradino del podio il russo Alexander Evtushenko che ferma le lancette dell’orologio a 34’41”. In evidenza anche la prestazione dell’azzurro Seid Lizde, classe 1995, che al primo anno nella categoria conquista la settima posizione a 1’05” dal vincitore, entrando così nella Top Ten di elevata caratura. Dignitosa la prova dell’altro azzurro Luca Sterbini che chiude al 16^ posto a 1’40”.
Anche Marino Amadori esprime la sua soddisfazione: “Iniziamo a raccogliere i primi risultati di un progetto federale che dà alla specialità a cronometro una grande attenzione. Questa corsa Davide l’ha preparata e studiata nei raduni che abbiamo realizzato, insieme agli altri azzurri. Ci ha creduto fino in fondo e la sua medaglia è la giusta ricompensa. Da mettere in evidenza anche la performance di Lizde – sottolinea Amadori -. Un ringraziamento alle società di appartenenza degli atleti, senza la loro collaborazione tutto questo non sarebbe possibile. Ora guardiamo avanti, ai Campionati del Mondo in Spagna”.
TUTTI I RISULTATI SU www.federciclismo.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.