Seconda giornata di gare agli Europei di canoa velocità di Poznan, in Polonia, con gli azzurri impegnati in due finali. Nel C2 500 Daniele Santini e Luca Incollingo (Fiamme Oro) chiudono all’ottavo posto in 1.48.016, con il titolo europeo che va alla Russia di Viktor Melantev e Vladislav Chebotar (1.44.915) davanti a Germania (1.44.989) e Ucraina (1.45.215). Nella finale del K1 500 Alessandro Gnecchi (Carabinieri) si piazza al quinto posto (1.44.305) nella gara vinta dall’ungherese Balint Kopasz (1.40.831). Argento al portoghese Joao Ribeiro (1.42.138) davanti al bronzo ceco Jakub Zavrel (1.42.391).

Nelle altre gare in programma, batterie e semifinali, l’Italia porta in finale  altre 4 barche. Francesca Genzo (Fiamme Azzurre) nel K1 200 metri, già qualificata per Tokyo, ottiene il terzo tempo nella sua batteria (43.148) che vale un posto nella finale di domani (12.07).

Sempre sui veloci 200 metri Manfredi Rizza conquista l’accesso direttamente in finale nel K1. Il pavese dell’Aeronautica Militare stacca il miglior tempo nella sua batteria in 36.824 prenotando una corsia nella gara per il titolo, in programma domenica alle ore 12. Successivamente nelle batterie del K2 200 Rizza e Andrea Di Liberto (SC Trinacria) fanno registrare il miglior tempo assoluto in 32.680 che li porta per direttissima alla finale di domani alle 13.13.

Finale conquistata anche per Nicolae e Sergiu Craciun (Fiamme Oro) con il secondo posto ottenuto in semifinale (3.57.920) alle spalle dell’Ungheria (3.57.512). I due fratelli azzurri torneranno in acqua domenica alle 11.06 a caccia del podio continentale.

GLI AZZURRI IN GARA DOMANI

09.00 Irene Bellan e Mathilde Rosa – K2 200 Semifinale
09.50 Nicolae Craciun – C1 200 Semifinale
10.20 Agata Fantini – K1 1000 Finale
11.06 Carlo Tacchini – C1 1000 Finale
12.07 Francesca Genzo – K1 200 Finale
13.13 Manfredi Rizza e Andrea Di Liberto – K2 200 Finale
RISULTATI: https://bit.ly/34DQMkL

LIVE STREAMING: https://bit.ly/3uSGp7a

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta