Europei di Ciclismo 2019: Dainese un fulmine, Elena.. quasi

Un oro e un argento nella penultima giornata di gare agli Europei di Alkmaar. Successo in volata per il ragazzo di Abano Terme. Sconfitta in volata, invece, Elena Cecchini, che comunque porta a casa un ottimo secondo posto.

Europei di Ciclismo 2019: Dainese un fulmine, Elena.. quasi

Agli Europei di ciclismo in Olanda, quando le sensazioni valgono più delle parole, accadono poi grandi cose. Lo aveva detto il CT Amadori: “La squadra è solida. Con uomini pronti a tutto. Il meglio sul panorama nazionale”. Ed è davvero successo così. L’azzurro Alberto Dainese (Abano Terme, classe 1998), portacolori del Team Seg Racing Academy, regala all’Italia il terzo oro nonché la settima medaglia azzurra in questa rassegna continentale. Lo regala dopo lo sprint vincente realizzato nella prova in linea dedicata agli Uomini U23: dopo l’oro della Paternoster conquistato ieri, si aggiunge, oggi, il titolo di Dainese.

Alberto è stato guidato alla perfezione dai suoi compagni di squadra Ferri e Dalla Valle, negli ultimi due chilometri di gara.

Insieme raccolgono i frutti di una fuga di Alexander Konychev, figlio d’arte, per 60 km con il norvegese Hvideberg. Quando mancano 20 km dal traguardo Alexander prova da solo. Non arriva alla fine, ma costringe le altre squadre a lavorare e la nostra a correre di rimesse. Alla fine si rivela l’azione decisiva: “E’ stata una vittoria di squadra. Sono stato guidato alla perfezione dai miei compagni – dice Dainese in lacrime dopo l’arrivo – In ogni azione eravamo presenti. Un vero peccato che Alex sia stato ripreso a pochi chilometri dall’arrivo. Anche per questo non potevo perdere. Ho trovato un varco ed è andata bene”.

Dainese arriva a questo appuntamento con una ottima preparazione: “Ho corso l’Adriatica e poi il Tour Alsace. Ero un poco stanco e quindi ho staccato per qualche giorno proprio per arrivare qui in buone condizioni. Sono davvero soddisfatto anche se, in onestà, ancora fatico a credere a ciò che è successo“. Sul primo gradino del podio di categoria, l’Italia torna dopo l’oro di Giovanni Visconti del 2003 (2006 e 2009 bronzo con Gavazzi e Modolo, 2014 argento di Filosi, 2015 e 2016 bronzo con Martinelli e Vendrame).

La gara delle Donne Elite

Dino Salvoldi, giustamente, dopo aver visto la prova degli U23 avrà pensato: “Per difendere il titolo di Marta Bastianelli forse conviene proprio fare così..”. Manda in fuga, a 80 chilometri dalla conclusione, Elena Cecchini. Con lei l’olandese Amy Pieters e la tedesca Lisa Klein. Ci sono le nazioni che contano. Le altre lasciano fare per poi accorgersi che non sono più in grado di recuperare. Le tre arriveranno allo sprint. Elena è veloce, fredda il giusto. Sembra aver imparato da Elia Viviani, l’uomo della sua vita. Prende la ruota giusta, quella dell’olandese, e la segue fino ai 100 metri. Quando Amy scatta, però, prende quei cinque metri che gli bastano per festeggiare il successo e riportare in Olanda il titolo. Lo scorso anno Marta lo tolse alla Von, adesso se lo riprendono. Nell’eterna lotta, per quanto riguarda il ciclismo femminile, tra Italia e Olanda sono cose che capitano. Aspettiamo il prossimo appuntamento per vedere come va.

Abbonati qui a Express VPN, aiuti a finanziare Sport24h.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.