Europei Giovanili Arrampicata: Bendazzoli & Co, e l’Italia va

Europei Giovanili Arrampicata: Bendazzoli & Co, e l’Italia va

IFSC European Championships, Campionati Europei GiovaniliSette medaglie, di cui una d’oro, tre d’argento e tre di bronzo: è questo lo strepitoso bottino della Nazionale Italiana di Arrampicata Sportiva ai Campionati Europei Giovanili, specialità Lead e Speed, che si sono svolti in Scozia, a Edimburgo. Con il risultato di questo fine settimana il settore giovanile dell’arrampicata italiana si conferma tra i migliori al Mondo e aggiunge un altro importante titolo a quelli conquistati lo scorso anno ai Mondiali in Canada.
A laurearsi campione europeo, nella difficoltà, è stato Giorgio Bendazzoli, vicentino di Bassano del Grappa, classe 1999, che ha preceduto sul podio della categoria Youth B (under 16) l’austriaco Posch e il francese Ferrera. Si tratta del suo primo grande successo a livello internazionale. Sempre dalla Lead è arrivata la medaglia d’argento della torinese Asja Gollo (anch’essa classe ’99), già terza quest’anno nella prova di Coppa Europa a Imst e dominatrice l’anno scorso della Coppa Europa Boulder.
Le altre medaglie sono arrivate dalla Velocità, settore che in cui l’Italia, complice anche una bassa concorrenza internazionale, sforna da tempo atleti di assoluto valore, come quel Alessandro Santoni che fra gli Juniores (under 20) s’è dovuto arrendere in finale solo al francese Nambot, ma porta a casa comunque una medaglia che lo conferma al top della categoria. L’anno scorso in Canada il trentino, classe ’96, si è stato campione del mondo, insieme a Carnati nella difficoltà. Carnati era presente anche in Scozia, ma ha bucato la gara, non riuscendo ad entrare in finale e chiudento al 12 posto.
Ma torniamo alla velocità, con l’argento del valdostano, classe 1999, Paolo Martignene, secondo nella Youth B (battuto soltanto in finale dal russo Diachkov). Per il 15enne questa medaglia rappresenta il primo grande risultato a livello internazionale, a coronamento di un percorso in Nazionale iniziato da un paio d’anni. Alle sue spalle, medaglia di bronzo, si è classificato il modenese di Sassuolo Gian Luca Zodda, che nella finale per il terzo posto ha superato l’ucraino Pozharov.
Una nota di merito, infine, va ai fratelli Fossali, Ludovico e Giulia, entrambi vincitori di una medaglia di bronzo, rispettivamente nei Youth A maschile e Youth B femminile. Ludovico si è sbarazzato nella finale per il terzo posto del russo Zakirov, Giulia della francese Fleuret. A queste sette medaglie si aggiungono altri piazzamenti fra i primi dieci.
Risultati, quelli di Edimburgo, che confermano come la nostra Nazionale possa contare su un nutrito gruppo di atleti in grado di affermarsi ai vertici delle gare internazionali.

I risultati degli Azzurri:
UOMINI:
YOUTH B LEAD: 1° Giorgio BendazzolI.
YOUTH A LEAD: 12° Stefano Carnati, 16° Leonardo Sinibaldi.
JUNIORS LEAD: 8° Federico Andreoli, 14° Lorenzo Carasio
YOUTH B SPEED: 2° Paolo Martignene, 3° Gian Luca Zodda, 6° Giacomo Ingrani
YOUTH A SPEED: 3° Ludovico Fossali
JUNIORS SPEED: 2° Alessandro Santoni, 5° Stanislao Zama

DONNE:
YOUTH B LEAD: 2^ Asja Gollo,
YOUTH A LEAD: 8^ Lisa De Martini, 11^ Eva Scroccaro, 16^ Ilaria Scolaris, 22^ Giulia Gollo
JUNIORS LEAD: 9^ Claudia Ghisolfi
YOUTH B SPEED: 3^ Giulia Fossali, 8^ Silvia Porta
YOUTH A SPEED FEMMINILE: 9^ Giorgia Randi, 16^ Erika Mattioli
JUNIORS SPEED: 7^ Teresa Gallucci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.