C’è anche un italiano tra i vincitori del Campionato Europeo giovanile di scacchi online che si è svolto in questi giorni. Si tratta del 18enne Francesco Sonis che si è imposto nella sua categoria. Ricordiamo che Francesco ha già vinto due anni fa il campionato europeo U16, per poi finire terzo al mondiale di categoria.

Ottima prestazione anche per la giovanissima U10 milanese Bianca Pavesi. Nella finale del Campionato Europeo (dominata dalle ragazzine dell’Est europeo) si è brillantemente piazzata  al sesto posto ex aequo, seconda tra le occidentali.

Sono stati 571 i giocatori provenienti dal 46 Federazioni che si sono confrontati nel Campionato Europeo. La parte del leone la giocata la Russia, che porta a casa tre titoli continentali e ben otto atleti sul podio. Segue l’Olanda, con due ori, la Romania con 1 oro e 1 argento, quindi l’Italia, con la vittoria di Sonis.

Schermata 2020 12 10 alle 16.06.46 e1607613213343

Di seguito l’elenco degli atleti andati a medaglia.

RUSSIA: Zemlyanskii Ivan (U10) Usov Aleksandr E. (U10) Preobrazhenskaya Diana (G10) Saveljen Ivan (U12) Khubukshanov Erdem (U14) Shubenkova Veronika (G14) Nur-Mukhametova Alisa (G16) Solozhenkina Elizaveta (G18)

TURCHIA: Durucay Uygar (U10) Gurel Ediz (U12)

UCRAINA: Samunenkov Ihor (U12) Kushko Dmitriy (U16)

OLANDA: Huang Wendy (G12) Roebers Eline (G14)

ROMANIA Maria Lia-Alexandra (G12) Obada Ema (G16)

GEORGIA Kirtadze Anastasia (G12) Kacharava Nikolozi (U16)

POLONIA: Klimkowski Jan (U14) Starosta Martyna (G14)

AZERBAIJAN: Bashirli Saadat (G10)

FRANCIA: Alfano Emilie (G10)

BIELORUSSIA: Lazavik Denis (U14)

DANIMARCA: Bjerre Jonas Buhl (U16)

ESTONIA: Sinitsina Anastassia (G16)

ITALIA: Sonis Francesco (U18)

ARMENIA: Sargsyan Shant (U18)

SLOVACCHA: Sahidi Samir (U18)

BULGARIA: Peycheva Gergana (G18)

SLOVENIA: Urh Zala (G18)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta