Europei IAADS di Atletica leggera: nel segno di agonismo e partecipazione

Europei IAADS di Atletica leggera: nel segno di agonismo e partecipazione

IAADSSi è svolta nella mattinata di oggi, presso la sala “Aldo Moro” di Palazzo Montecitorio la conferenza stampa di presentazione dei Campionati Europei IAADS di Atletica Leggera in programma a Roma dal 27 al 30 Giugno presso il CSOE della città militare della Cecchignola.
Apertura affidata alla padrona di casa e Vice Presidente della Camera Marina Sereni: “Sono molto contenta che la Camera dei Deputati, tra gli altri, abbia dato il patrocinio per i campionati europei IAADS riservati agli atleti con sindrome di Down che si svolgono questo fine settimana presso il centro sportivo dell’esercito alla Cecchignola, dove ci saranno non soltanto campioni, ma sportivi in generale, da valorizzare, promuovere, aiutare con strutture e servizi. Perché se è vero che sono ormai più di 30 anni che esiste in Italia un’attività sportiva riservata a disabili intellettivi e relazionali – ha proseguito l’onorevole Sereni –  è anche vero che tante sono le cose da fare ancora perché la vostra filosofia di ‘normalizzazione’ diventi realtà, perché lo sport rientri tra le opportunità di cui tutti possano godere indipendentemente dal fatto che abbiano un cromosoma in più o in meno. Affinché questo succeda è fondamentale attivare un percorso virtuoso tra famiglie, operatori, istituzioni e opinione pubblica che possa garantire una vera inclusione a tutte le persone con sindrome di Down. Da vice presidente della Camera, e a maggior ragione da semplice deputato, vorrei confermarvi il mio impegno a far sì che si possa realizzare l’obiettivo che vi siete dati, quello di far sì che “tutti, nessuno escluso”, abbiano la possibilità di fare sport”.
Presente anche il numero uno dello sport paralimpico, il Presidente del CIP Luca Pancalli che ha espresso con queste parole il suo pensiero sui prossimi europei: “Credo che gli Europei IAADS per gli atleti con sindrome di Down dimostrino due cose: una, la vocazione della città di Roma a organizzare grandi eventi sportivi non solo in chiave olimpica ma anche all’interno del mondo paralimpico; la seconda, di come si possa coniugare l’agonismo con il concetto di responsabilità sociale di chi si occupa di sport unendo due momenti come il Campionato Europeo e il Campionato Italiano Promozionale, diffondendo il messaggio di uno sport unito nella consapevolezza che è importante il terreno del confronto agonistico, ma è altrettanto importante allargare la base dei praticanti”.
Fondamentale il contributo, per la riuscita dell’evento, del supporto dello Stato Maggiore dell’Esercito rappresentato dal Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale Enzo Stefanini che commenta così l’evento e l’accordo siglato lo scorso anno con il CIP: “Quando abbiamo siglato l’accordo con il CIP era nostra intenzione quella di permettere ad atleti disabili di poter svolgere la loro attività all’interno delle nostre strutture che, in occasione degli Europei IAADS, saranno liete di dare la massima disponibilità per la migliore riuscita dell’evento”.
Intervento importante anche quello del presidente della FISDIR Marco Borzacchini: Lo sport competitivo praticato dagli atleti con sindrome di down è acquisizione recente nel panorama italiano ed internazionale. Questo perché vecchi e ormai sorpassati pregiudizi hanno sempre considerato la persona Down incapace di esprimere una prestazione atletica, relegandola in un ambito esclusivamente ludico-ricreativo. Si era convinti che lo sport fosse ideale strumento di benessere fisico, di autonomia, di integrazione, al pari della scuola e del lavoro, ma assolutamente lontano da ogni implicazione di carattere agonistico.
Grazie al lavoro svolto negli ultimi anni dall’Italia e da alcuni paesi che ne hanno condiviso il percorso oggi l’atleta di classe 21 è al centro di un grande movimento internazionale e sta dimostrando gara dopo gara la sua straordinaria capacità di praticare una disciplina in senso compiuto sia sotto il profilo tecnico sia sotto il profilo della prestazione
.
Chiusura affidata all’onorevole Antonio Leone: “Mi aspetto da questa iniziativa di stamane la capacità di dare maggiore visibilità all’iniziativa, di grande rilievo e che deve servire non soltanto ai partecipanti ma a tutta la società, dimostrando che gli atleti diversamente abili non sono diversi ma possono tranquillamente integrarsi. Dobbiamo solo trovare i mezzi per poter raggiungere gli obiettivi e farlo capire.
Inizio gare previsto nel pomeriggio di venerdì 28 Giugno. Cerimonia di apertura il giorno successivo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.