Europei MTB 2017, nel Team Relay vince la Svizzera, bronzo dell’Italia

Grande prova, in particolare, di un ritrovato Kerschbaumer che si candida a fare un grande europeo anche nella prova individuale.

Europei MTB 2017, nel Team Relay vince la Svizzera, bronzo dell’Italia

Darfo Boario Terme (BS) – La Svizzera conquista la prima medaglia dei campionati Europei di MTB che si sono aperti sull’inedito e spettacolare tracciato di Boario Terme con il Team Relay (XCE), la staffetta a squadre per nazioni. L’Italia, composta da Kerschbaumer, Teocchi, Zanotti, Tovo e Colledani conquista una medaglia di bronzo che conferma l’empatia degli azzurri con quest’esercizio.
Si è trattata di una gara avvincente ed incerta sino alla fine. Cinque staffettisti per ognuna delle 13 rappresentative che si sono presentati ai nastri di partenza a caccia del primo titolo in palio. Parte subito forte l’Italia che schiera come primo frazionista il neo campione italiano Gerhard Kerschbaumer (completamente ritrovato il ragazzo che, lo ricordiamo, è stato campione del Mondo tra gli Jrs e gli U23) capace di staccare il miglior tempo della competizione (11’28, l’unico a scendere sotto i 12 minuti) passando il testimone alla campionessa italiana U23 Chiara Teocchi che non riesce a tenere testa al ritorno dell’agguerrita Danimarca prima di dover dare il cambio ai compagni Juri Zanotti, Marika Tovo e Nadir Colledani.
Due tornate dove i capovolgimenti di fronte non si sono fatti attendere, infiammando il numeroso pubblico. La Danimarca cede e ad approfittarne è l’armata rosso-crociata che proprio nelle frazioni finali schiera i suoi atleti migliori.
La Svizzera si lancia così verso il traguardo, solitaria, senza rivali, guadagnandosi il primo oro di questa rassegna continentale. La Danimarca giunge seconda cogliendo un meritato argento ma è l’Italia, scivolata sino all’ottava posizione, a mettere a segno l’impresa riuscendo in una straordinaria rimonta che la vede risalire proprio nel corso dell’ultimo giro fin sul terzo gradino del podio per quella che a tutti gli effetti è la prima medaglia, il primo titolo, del neo CT azzurro , Mirko Celestino.
Siamo contenti e gasatissimi – sono le parole del CT Celestino – una medaglia ci voleva per iniziare al meglio e caricare il gruppo. Poi la magia di poterlo fare in Italia, davanti a tanti tifosi è impagabile. Il tracciato è bellissimo, ma non lo dico solo io, è un campionato europeo che si distingue già da tutti i precedenti, per bellezza, per tecnicità e difficoltà ma soprattutto per spettacolarità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.