Si sono svolti nel fine settimana a Sofia, in Bulgaria, i Campionati Europei Senior 2016, l’ultimo appuntamento prima dei Giochi olimpici di Rio de Janeiro. La rassegna continentale che si è chiusa sotto l’insegna dei colori azzurri, con Riccardo De Luca capace di vincere la medaglia di bronzo, confermando il piazzamento dello scorso anno a Bath (terza medaglia continentale individuale della carriera incluso l’oro del 2012), e la squadra azzurra composta da De Luca, Pier Paolo Petroni e Fabio Poddighe capace di conquistare il primo oro a squadre europeo della storia azzurra.

Il bronzo di De Luca ha il sapore dell’impresa considerando che dopo la prova di equitazione era 26°, quindi nel combined ha superato 23 concorrenti. Per ciò che concerne l’oro a squadre, invece, è stata una vittoria netta quella centrata da Poddighe (ottino 5° posto per lui), alla prima medaglia internazionale della carriera, e dai due pentatleti che gareggeranno ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro, Petroni (9° posto per lui) e De Luca, che aggiungono così un oro al loro già ricco palmares continentale a squadre (2 argenti, nel 2011 e 2014, e 1 bronzo nel 2013)

De Luca ha vinto il bronzo con 1437 punti, Poddighe ha chiuso al 5° posto con 1427 punti, Petroni, 9° con 1418 punti. Il titolo continentale è stato vinto dal ceco Jan Kuf con 1451 punti, l’argento è andato all’ungherese Robert Kasza con 1450 punti.

A squadre, oro per l’Italia con 4282 punti, argento per la Francia con 4194 punti, bronzo per la Germania con 4019 punti.

Nel ranking round di scherma, il migliore degli azzurri è stato Poddighe, che ha chiuso al 9° posto con 214 punti (19v-16s); Petroni ha chiuso al 13° posto con 208 punti (18v-17s), De Luca al 26° posto con 196 punti (16v-19s). Dopo la prova di nuoto, Poddighe (2:02.49 – 333 punti) risale al 4° posto con 547 punti, Petroni (2:08.54 – 315 punti) scende al 19° con 523 punti, De Luca (2:12.03 – 304 punti) scivola al 31° posto con 500 punti. Il bonus round di scherma vede il solo Poddighe conquistare un punto ma cedere la quarta posizione all’ungherese Kasza, mentre dopo l’equitazione Poddighe (293 punti) è 7° con 841 punti, Petroni (286 punti) risale al 17° posto con 809 punti, De Luca (293 punti) risale al 26° posto con 793 punti.

Nel combined, Poddighe chiude in 11:54.80 (586 punti), Petroni in 11:31.05 (609 punti), De Luca lo vince in 10:56:92 644( punti).

Il ranking round di scherma ha visto la vittoria dell’ucraino Kirpulyanskyy con 256 punti. Al secondo posto si è piazzato il ceco Kuf con 238 punti, al terzo l’ucraino Tymoshchenko e l’ungherese Tibolya con 232 punti. Seconda prova, il nuoto, Kirpulyanskyy chiude in 2:11.53 rimanendo al vertice della classifica con 562 punti, Kuf si conferma al secondo posto con 558 punti, al terzo posto sale il lettone Svecovs con 548 punti e a una sola lunghezza di distacco ci sono l’azzurro Poddighe e il bielorusso Hayanouski. Il bonus round di scherma non cambia la classifica dei primi tre, mentre dopo l’equitazione i primi due si confermano nelle rispettive posizioni con 863 e 851 punti e al terzo posto sale l’ungherese Kasza con 849 punti. Nel combined, Kuf chiude in 11:40.35 precedendo Kasza di un solo secondo sul traguardo, mentre al terzo posto si piazza l’azzurro De Luca capace di una rimonta incredibile.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.