Europei pista 2016, Letizia Paternoster è nata una stella

Terza giornata di gare a Montichiari e due nuove medaglie per l'Italia: oro (il terzo personale, quarto complessivo) con la 16enne trentina, argento con Matteo Donegà.

Europei pista 2016, Letizia Paternoster è nata una stella

Ancora medaglie, ancora pesanti, ai Campionati Europei Pista in svolgimento a Montichiari: un oro e un argento e, soprattutto, la consapevolezza di aver trovato una “stella” che brillerà, ci auguriamo, nel firmamento del ciclismo per tanti anni futuri.

Ci riferiamo a Letizia Paternoster, che ieri ha messo al collo la terza medaglia d’oro personale (la quarta per la squadra azzurra) grazie ad una gara nella corsa a punti praticamente perfetta. E’ partita subito forte, dominando i primi sprint. Ha guadagnato un giro sulle avversarie insieme all’olandese Marit Raaijmakers per concludere con 53 punti, mentre la compagna di fuga si è prese l’argento con 27 punti. Terza sul podio la britannica Rebecca Raybould con 12 punti.

Al suo primo campionato europeo, ed al primo anno nella categoria la ragazzina della Val di Non (la stessa valle di Fondriest) ha mostrato classe e talento da vendere. E’ attesa, adesso, ad una pronta conferma ai mondiali juniores su pista della prossima settimana. Se dovesse portare a casa qualche titolo anche in Svizzera, beh, allora, signori mettetevi comodi perché abbiamo trovato l’erede di Antonella Bellutti…

“E’ una corsa che mi piace e mi si addice, fin da esordiente ed allieva. Sono felicissima! Sono riuscita a seguire le direttive del CT Salvoldi che ringrazio insieme a tutto lo staff. E’ la ricompensa di tutti i sacrifici, grazie anche alle mie compagne che mi hanno sostenuto con il tifo lungo gli spalti. Ho tentato di onorare al meglio la Maglia Azzurra che quando indossi ti trasmette una carica unica. E se dovessi guardare ad un esempio azzurro per la corsa a punti, guardo ad Elena Cecchini”. Il suo CT Salvoldi: “Vederla correre è stato uno spettacolo!”.

Nella stessa giornata, a pochi minuti dal successo di Letizia, per i colori azzurri arriva anche l’argento di Matteo Donegà, sempre nella corsa a punti, sempre tra gli juniores. Protagonista di una corsa avvincente e spettacolare, riesce dalla sesta posizione, con un attacco decisivo a metà gara, quando ormai il belga aveva preso il giro, a risalire alla terza posizione guadagnando anche un giro. L’oro ormai è sicuro per il polacco Dawid Czubk (che lo ha vinto con 49 punti) ma la lotta è aperta tra l’azzurro ed il belga Thijssen per il secondo gradino del podio. Ha la meglio Matteo che si aggiudica uno splendido argento con 36 punti, contro i 32 del belga.

Non mi aspettavo questa medaglia – dice –. La corsa a punti riesco ad affrontarla solo con l’idea di prendere in giro, se punto tutto sullo sprint parto in grande svantaggio. Così ho fatto anche se ho speso molte energie ma sono riuscito a vincere l’argento. E questa Maglia Azzurra ti regala sempre una forte motivazione”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.