Europei strada – Evenepoel non si ferma, Affini di bronzo

Grande prova del 19enne belga che vince il titolo continentale tra gli Elite, appena passato di categoria. Bronzo di Affini e Elena Pirrone (Donne U23).

Europei strada – Evenepoel non si ferma, Affini di bronzo

Agli Europei Strada di ciclismo in svolgimento in Olanda brilla la stella di Remco Evenepoel. Il talento belga, di cui abbiamo parlato qui, ha vinto oggi la cronometro élite, superando tutti i maggiori protagonisti della specialità e lasciando intendere che il futuro, per quanto lo riguarda, è già iniziato. La dimostrazione di forza fornita oggi ad Alkmaar è disorientante. Lo scorso anno era juniores, vincendo europei e mondiali, sia in linea che a crono. Quest’anno è già professionista: ha vinto neanche una settimana fa la Clasica San Sebastian e adesso la cronometro élite. Non ci sono aggettivi. Bisogna solo capire cosa potrà fermarlo.

Per l’Italia la giornata di oggi ha il sapore dolce delle due medaglie di bronzo vinte rispettivamente da Elena Pirrone nella crono U23 e da Edoardo Affini tra gli Elite. Ma ha anche il sapore amaro del sesto posto di Filippo Ganna, favorito della vigilia, e il 7° di Letizia Paternoster, anche lei tra le favorite e addirittura prima a metà gara. Una piccola delusione anche la prova di Vittoria Bussi, detentrice del record dell’ora femminile, che si pensava, alla sua prima prova contro il tempo su strada, potesse non pagare lo scotto dell’esordio. Ha chiuso invece all’11° posto.

“Hai presente quando ti alzi la mattina e qualcosa ti dice che salirai sul podio? – dice Elena Pirrone subito dopo l’arrivo -. E’ successo questo: sono partita che avevo buone sensazioni. In corsa ho gestito il primo tratto con vento a favore per equilibrare poi il lungo rettilineo di ritorno con vento contro. E’ stato necessario spingere ma la mia corsa è risultata regolare. Sono soddisfatta di questa medaglia anche perché lo scorso anno non ho corso la crono e nel passaggio alla nuova categoria non sapevo cosa aspettarmi”.

L’azzurra mette l’accento anche sulla sua voglia di crescere ancora: “I due secondi che mi separano dall’argento mi danno la motivazione per crescere ancora. Questa è la mia specialità e questo bronzo è l’inizio“. Salire tra le U23 sul podio europeo in Maglia Azzurra è per Elena motivo di orgoglio: “In onestà il solo fatto di correre in Maglia Azzurra è già motivo di orgoglio e se poi si sale sul podio con questa maglia è sempre una grandissima emozione”.

Il mantovano, classe 1996, portacolori del Team Mitchelton-Scott, Edoardo Affini, come ricordato all’inzio, ha regalato all’Italia la quarta medaglia. Nel tempo intermedio Edoardo è un po’ dietro, ma è nella seconda parte di corsa che guadagna tempo e terreno preziosi nonostante il vento a sfavore.”Grazie al Team Relay corso ieri ho visto che era proprio la seconda parte a fare la differenza. Prima di partire ho infatti pianificato di mantenere qualche risorsa nella prima parte per poi essere sprigionata e dare tutto nella parte conclusiva. E’ stata una tattica giusta” – commenta l’azzurro.

Complimenti al vincitore che è davvero forte – ha concluso Edoardo -. Credo che la sua vittoria sia uno stimolo per fare ancora meglio e crescere e migliorarsi sempre di più. Anche oggi abbiamo dimostrato che l’Italia a crono, un passo alla volta, sta ottenendo dei risultati”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.