Europeo di canoa e paracanoa velocità a Brandeburgo, prima giornata

Europeo di canoa e paracanoa velocità a Brandeburgo, prima giornata
Sergiu Craciun nasce in Moldavia il 30/6/84 e dal 2010 gareggia per l’Italia con i colori del CK Academy. Anche grazie al suo arrivo nel nostro paese l’intero settore della canadese azzurra è cresciuto. Subito laureatosi campione italiano nel 2010 nelle specialità C1 200, C1 500 e C1 1000, Craciun è 4° nel C2 1000 all’europeo 2012 a Zagabria mentre quest’anno ha conquistato l’argento nel C1 5000 in occasione della prima prova di Coppa del Mondo a Racice, in Repubblica Ceca. Con lui, in azzurro, anche il fratello minore Nicolae. A Duisburg Sergiu Craciun gareggerà nel C1 1000, nel C1 5000 e nel C2 500 con Luca Incollingo.

Sergiu Craciun

Prima giornata di gare oggi all’europeo di canoa e paracanoa velocità a Brandeburgo con l’Italia che centra la finale con Sergiu Craciun nel C1 1000 e il K2 500 di Norma Murabito e Sofia Campana.
Finale diretta nel C1 1000 per Sergiu Craciun con l’azzurro che chiude al secondo posto la propria batteria di qualificazione; a vincere è il bielorusso Maksim Piatrou in 3.53.108 che infligge a Craciun un distacco di 1.659. Terzo posto per il francese Mathieu Goubel staccato dalla prima posizione di 1.712.
Nel K2 500 donne volano in finale anche Norma Murabito e Sofia Campana che riescono ad accedere alla lotta per le medaglie dopo aver chiuso al quinto posto la batteria di qualifica e al secondo la semifinale. Le azzurre fermano il cronometro sull‘1.44.597 con un ritardo di 287 millesimi dalle britanniche Belcher e Cawthorn.
Si fermano in semifinale invece tutti gli altri: Luca Incollingo risente pesantemente del campo gara spazzato dal vento e dalle onde e dopo aver sfiorato il terzo posto in batteria che gli sarebbe valso l’accesso diretto alla finale esce di scena in semifinale con il sesto tempo (2.02.399) nella gara vinta dallo slovacco Hagara. Nel K1 1000 Matteo Galligani chiude al nono posto in 4.05.763 e si qualifica per la finale C. Lo stesso Galligani è quinto nel K1 500, piazzamento che non gli consente di centrare l’accesso alla finalissima. Nel K2 500 l’equipaggio di Eric Buzzi ed Edoardo Chierini, specialisti dei 200, si difendono comunque bene anche sul mezzo chilometro. Il loro quinto posto in semifinale in 1.32.698 a 1.995 dalla prima posizione dei bielorussi Piatrushenka e Makhneu non basta per accedere alla finalissima ma dà riscontri comunque positivi. Finale B invece per Cristina Petracca che in semifinale nel K1 500 è sesta in 2.01.219 con un distacco di 4.201 dalla tedesca Weber che si impone davanti alla danese Hansen e alla russa Podolskaya.

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.