Dopo un anno che definire orribile è riduttivo, non possiamo fare altro che notare la necessità della Ferrari di ricominciare dalla pole del francese nel GP di Montecarlo e dal secondo posto di Sainz sempre nel Principato. Un risultato che sta forse stretto alla vetture del Cavallino ma che fa ben sperare i tifosi delle Rosse che iniziano finalmente a vedere la luce in fondo al tunnel.

La power unit Ferrari è finalmente tornata

Come tutti gli appassionati di motori ben sapranno, alla vigilia della scorsa stagione la Ferrari si era trovata a fare i conti con un accordo “riservato” stipulato con la FIA che aveva costretto la casa di Maranello ad affidarsi a una power unit con circa 70 cavalli in meno rispetto a quella utilizzata nel biennio precedente. Alla base dell’accordo, con ogni probabilità, vi era una parte ibrida del motore che era stata sviluppata sfruttando le “aree grigie” del regolamento e che aveva portato la FIA a sanzionare le Rosse.

Così, pochi mesi prima dell’inizio del campionato, in casa Ferrari si erano ritrovati a fare i conti con una vettura pensata e studiata dal punto di vista tecnico, meccanico e aerodinamico per una power unit estremamente potente che, una volta venuta meno, ha messo in crisi tutte le altre aree di sviluppo della vettura. Durante la sosta invernale, però, a Maranello si sono messi al lavoro e sono riusciti nell’impresa di sviluppare una nuova power unit per la stagione 2021 che almeno sino a ora ha dimostrato di essere all’altezza. Stando anche alle quote offerte dalle scommesse sulla F1, anche quest’anno le Mercedes restano una spanna sopra e si prefigurano come le auto da battere ma la sensazione è che dopo il disastro dell’anno passato, in questo campionato Leclerc e Sainz possano tornare a giocarsi il podio nei prossimi GP anche grazie al nuovo fondo provato in Portogallo (qui) e i benefici del quale si sono visti proprio a Montecarlo.

Ma l’ultimo GP ci dice anche che i due uomini in Ferrari sono una certezza, con Leclerc che è già a suo agio sulla nuova monoposto e con Carlos Sainz che, nonostante abbia ancora bisogno di tempo, è già lì a giocarsela. Lo spagnolo, in particolare, è in continua e costante crescita e la sensazione è che quest’anno, finalmente, le Rosse possano fare affidamento su due piloti capaci di giocarsela alla pari con tutti e di portare a casa dei punti fondamentali ai fini della classifica costruttori.

La stagione di F1 2021 è appena iniziata ma in casa Ferrari già si guarda al futuro con cauto ottimismo. Il peggio appare ormai alle spalle e la sensazione è che da qui in poi le cose non possano fare altro che migliorare.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta