Federscacchi: Malagò visita la sede di Milano

Federscacchi: Malagò visita la sede di Milano
Malagò e Marzorati impegnati nella partita di scacchi

Malagò e Marzorati impegnati nella partita di scacchi

La visita di Giovanni Malagò, nel pomeriggio di lunedì, alla sede della Federscacchi a Milano segna un punto a nostro avviso non secondario del “nuovo CONI”. Con una mossa per certi versi a sorpresa, il presidente del CONI sceglie la FSI come una delle prime DSA meritevoli di attenzione, spostando il baricentro del Palazzo verso gli sport minori dagli sport tradizionali (Tamburello e Orienteering) a quelle discipline che alcuni indicano come le vere protagoniste della vittoria del nuovo Malagò. Perché è bene ricordarlo (e ci sembra che questo Malagò lo abbia ben presente), la distanza alla fine delle votazioni tra l’attuale presidente CONI e Pagnozzi fu di una manciata di voti, gli stessi a disposizione delle DSA che, negli incontri pre-elettorali voci di corridoio raccontano fossero state trattate “con freddezza” dall’ ”usato sicuro” Pagnozzi e blanditi, al contrario da Malagò. Di quella scelta delle DSA, tra i maggiori protagonisti furono proprio l’allora responsabile del coordinamento, il presidente del Biliardo, Andrea Mancino (premiato con un posto nella Commissione Fiscale per gestire gli aspetti fiscali rilevanti nel mondo sportivo) e Giampietro Pagnoncelli, entrambi presenti in Giunta e quindi “gradi elettori” del presidente.
Ma aldilà della visita di cortesia e dei rapporti umani che legano i due personaggi (Malagò e Pagnoncelli), la visita del presidente CONI accende i riflettori su uno sport che si appresta a vivere, la prossima settimana a Roma, uno dei momenti più importanti della stagione, con la disputa dei Campionati Italiani. La presentazione dell’evento sarà fatta, in modo ufficiale, il 19 novembre in Campidoglio, mentre la settimana successiva, in un hotel sulla Camilluccia (zona Nord della Capitale), si affronteranno i 12 migliori scacchisti italiani, eccezion fatta per Caruana, ormai n. 3 del ranking mondiale, con un Elo che viaggia vicino ai 2900, che ha recentemente cambiato residenza, facendo temere per un suo “ritorno” negli USA. Per rimanere in tema di campioni assoluti, ricordiamo che dal 9 novembre partirà lo scontro tra il Campione del Mondo, l’indiano Anand, e lo sfidante, il danese Carlssen, considerato per classifica elo e forza di gioco il più forte in circolazione.

Il presidente del CONI Malagò insieme al presidente FSI Pagnoncelli

Il presidente del CONI Malagò insieme al presidente FSI Pagnoncelli

Per tornare alla visita di ieri, il presidente Pagnoncelli ha avuto modo di dichiarare: “La visita del presidente Malagò è stata un grande onore per la Federazione Scacchistica Italiana e per tutti i tesserati e non posso che ringraziarlo di cuore per il tempo che ci ha voluto dedicare. Per di più mi ha confermato che interverrà ad una delle giornate di gara del prossimo campionato Italiano individuale che si giocherà a Roma a fine novembre.”
L’ufficio stampa della FSI riporta che per l’occasione il presidente Malagò ha realizzato una partita dimostrativa ed amichevole contro il presidente del CONI Lombardia Marzorati, entrambi evidentemente pessimi giocatori visto che il bianco ha due alfieri in campo nero…

Per informazioni sui Campionati Italiani

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.