ExpoBici 2011: tra territorio e innovazione

Oggi, alle ore 11.30 presso la Sala del Consiglio di PadovaFiere, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2011 di ExpoBici, la più importante fiera del settore in Italia, in Fiera dal 24 al 26 settembre con oltre 500 marchi e aziende, 24mila metri quadri di aree espositive e oltre 10mila metri quadri di spazi dedicati a demo e bike test. A fare gli onori di casa, come giusto che sia, Paolo Coin, direttore generale di PadovaFiere, che, dopo i saluti di rito, ha lasciato la parola ai numerosi ospiti intervenuti.

Tra i rappresentanti delle istituzioni, Ivo Rossi vice sindaco di Padova che ha  aperto la serie di interventi: “Padova ha nel Dna la bicicletta, usando un termine ormai di moda, la bicicletta per la nostra città è uno stile di vita. La sensibilità e l’importanza che diamo a questo mezzo ha permesso che la Fiera nascesse su un terreno fertile e rigoglioso, diventando la fiera italiana più importante. Siamo partiti in sordina ma con gli anni abbiamo dimostrato che il duro lavoro e le capacità vengono premiate.”
Barbara Degani, presidente della Provincia di Padova, conferma l’attenzione particolare dell’amministrazione nei confronti della bicicletta: “Non potevamo mancare a questa importante manifestazione. L’industria del settore ciclo è nel nostro territorio molto rilevante: solo nel padovano si contano il 10% delle aziende presenti in Italia che operano in questo mercato, e in tutto il Veneto ne sono presenti oltre un terzo. Come Amministrazione puntiamo molto sulle piste ciclabili, in particolar modo l’anello fluviale padovano è lungo 47 km, altri 140 km sono dislocati in tutta la provincia e ci sono in cantiere ben altri 195 Km. In stretta sinergia con la Regione crediamo molto nel cicloturismo e nell’offrire un turismo sostenibile e a contatto con la natura.”
Giorgia Andreuzza, Assessore al Turismo della Provincia di Venezia: “La bicicletta non è più un mezzo di nicchia ma bensì un richiamo turistico importante. Stiamo lavorando sul cicloturismo per garantire un’offerta turistica importante, anche in virtù dei numerosi turisti provenienti dal Nord Europa, dove la cultura della vacanza sulle due ruote è molto radicata.”
A seguire è intervenuto il Dott. Claudio De Donatis, dirigente Promozione Turistica Integrata Regione Veneto: “Ormai la bicicletta è un prodotto di largo consumo, basti pensare che in Germania si contano due milioni di turisti che il prossimo anno hanno deciso di fare vacanze sulle due ruote.  E’ un dato che fa riflettere e a cui si deve far fronte con strutture ricettive adatte. La bici fa bene alla salute, ha un impatto sociale importante anche in relazione al rispetto per la natura e non dimentichiamolo è uno sport a tutti gli effetti. Da un recente studio in Veneto, oltre il 30 % della popolazione usa quotidianamente la bici per gli spostamenti e il 35% la utilizza due o tre volte alla settimana; se a questo aggiungiamo che nella nostra Regione abbiamo molte aziende leader nel settore, il quadro non può essere che roseo.”
Flavio Manzolini, presidente Azienda di promozione del turismo Padova e Terme Euganee: “ExpoBici ha permesso in questi anni di puntare i riflettori su Padova. La nostra provincia ha una grande storia di aziende importanti, come l’Atala e Torpado e di campioni olimpici. La bicicletta è nel nostro Dna. Consci dell’importanza del cicloturismo abbiamo fatto e faremo numerose iniziative in questo senso.”
Michela Fontana, in rappresentanza di Cicli Olympia: “Nonostante la crisi il nostro settore va bene e ne risente solo in parte. La bicicletta è ormai sinonimo di ecologia, turismo e anche di fitness; sono tante le persone che decidono di restare in forma grazie alla bici e spesso sono più esigenti ed attenti nella scelta dei prodotti. Essere un’azienda made in Italy è certamente un valore aggiunto che all’estero è ancora molto sentito. Un’ulteriore spinta è certamente data dalla diffusione sempre maggiore delle biciclette a pedalata assistita ed elettriche.”
Ha chiuso la conferenza stampa Gary Fabris, direttore commerciale di Italwin, azienda specializzata nelle bici elettriche: “L’utilizzo di bici a pedalata assistita sta crescendo cosi come cresce anche l’innovazione ad essa collegata con la possibilità di avvicinarsi come design alla bicicletta normali. I dati internazionali dicono che in Giappone una bici su due è a pedalata assistita e in Europa se ne contano ben un milione. Nel nostro Paese quest’anno ne sono state vendute 50.000 ma prevediamo una crescita importante nei prossimi anni. Il Veneto, anche in questo caso, la fa da padrone sia nel numero di aziende produttrici, sia nel fatturato.” (com stampa)

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.