Finale NBA 2013: Spurs o Heat, la storia si ripete

Finale NBA 2013: Spurs o Heat, la storia si ripete

Tim-Duncan-Tony-Parker-e-Manu-Ginobili-250x300Ed eccoci arrivati al momento più atteso dell’anno per il basket mondiale. Le finali NBA. Quest’anno a contendersi il titolo del campionato di basket più bello e spettacolare, saranno i campioni uscenti dei Miami Heat e i San Antonio Spurs. I texani sono riusciti a sbarazzarsi, nella finale della Western Conference, dei Memphis Grizzlies (alla prima finale di Conference della sua storia) vincendo la serie per 4-0. Vittoria piena, senza sbavature. A nulla sono valsi gli sforzi di Marc Gasol e compagni per arginare la tecnica, la classe e l’efficacia di gioco degli Spurs. Nella Eastern Conference, le cose non sono andate in maniera liscia per i detentori del titolo dei Miami Heat. Infatti Indiana Pacers è riuscita a portare la serie fino a gara 7 (4-3 il risultato finale) facendo venire più di un patema d’animo ai sostenitori degli Heat. Ottime le prestazioni dei Pacers, che hanno dato vita ad una vera e propria battaglia in questa serie. Indiana con George, Hibbert e Hill sono riusciti in più di un’occasione a mettere alle corde Miami ma la classe e la fisicità di Lebron James (29 punti, 7 rimbalzi e 5 assist di media a partita in questa serie della finale di Conference) ha trascinato gli Heat nella conquista della Eastern Conference e a disputare la terza finale NBA consecutiva. Per la verità, sono mancati a Miami gli apporti di Wade (rinsavito solo in gara 7) e Allen, che sono risultati decisamente sottotono rispetto al loro potenziale. In questa finale NBA, Miami parte con il favore del pronostico. Come detto James è praticamente incontenibile ma non tutto potrà passare dalle sue giocate. Wade non sembra essere nelle migliori condizioni per un problema al ginocchio che fa preoccupare, Allen nella serie contro Indiana ha dimostrato stanchezza atletica, Bosh dovrà ritrovare il ritmo giusto sotto le plance, dopo averlo praticamente perso per tutte le finali contro i Pacers. Dall’altra parte, San Antonio, vincendo la serie in solo 4 partite ha avuto modo di riprendere fiato e preparare questa finale con 8 giorni di anticipo (contro i soli 2 giorni per i Miami). Le penetrazioni di Tony Parker, probabilmente il miglior giocatore di questi playoff, la classe cristallina di Tim Duncan, la praticità di un giocatore come Manu Ginobili e la capacità di marcare James da parte di Kawhi Leonard saranno i punti di forza dei San Antonio Spurs. In questa stagione gli Heat e gli Spurs si sono incontrati 3 volte e sono stati 3 successi per Miami. Ma la finale è un’altra cosa. Non facciamo pronostici.

Marco Luzi

Gara 1   Miami Heat Vs San Antonio Spurs  –   7 giugno ore 3:00
Gara 2   Miami Heat Vs San Antonio Spurs  – 10 giugno ore 3:00
Gara 3  San Antonio Spurs Vs Miami Heat  – 12 giugno ore 3:00
Gara 4   San Antonio Spurs Vs Miami Heat  – 14 giugno ore 3:00
Gara 5   San Antonio Spurs Vs Miami Heat  – 17 giugno ore 3:00
Gara 6   Miami Heat Vs San Antonio Spurs  – 19 giugno ore 3:00
Gara 7   Miami Heat Vs San Antonio Spurs  – 21 giugno ore 3:00

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.