Fossa Olimpica ad Acapulco, carta olimpica e vittoria per Fabbrizi

Fossa Olimpica ad Acapulco, carta olimpica e vittoria per Fabbrizi
Fossa Olimpica, Fabbrizi

Fabbrizi subito dopo il successo nella prima prova di Coppa del Mondo 2015 ad Acapulco

Acapulco (MEX) – E’ arrivata. La seconda ed ultima Carta Olimpica per il Trap Maschile italiano è salda nelle mani di Massimo Fabbrizi. Il Carabiniere di Monteprandone (AP) ha centrato l’obiettivo principale di questa stagione agonistica e si prenota per un viaggio in Brasile nel 2016. Dopo aver chiuso il primo giorno di gara con un perfetto 50/50, stamattina l’azzurro ha aperto la rincorsa verso la semifinale con un brutto 22/25 che ha rischiato di pregiudicare le ambizioni di gloria. Dimostrando un carattere di ferro, la sua gara è proseguita con altri due 25. Alla fine, con un totale di 122/125 si è trovato a spareggiare con altri due tiratori per meritarsi un posto in semifinale. Con +3 nello shoot-in il tiratore medaglia d’argento ai Giochi di Londra 2012 è rientrato tra i migliori sei e si è giocato il tutto per tutto per arrivare alla Carta ed alla medaglia. Nei 15 piattelli di semifinale Fabbrizi si è reso protagonista di un’altra prova di carattere. Partito con due zero nei primi cinque piattelli, ha mantenuto il controllo e, piattello dopo piattello, ha recuperato le posizione perse approfittando degli errori degli avversari. Tirate le somme, con 13/15 si è trovato nel medal match per l’oro con l’australiano Michael Diamond. A quel punto la Carta per le Olimpiadi brasiliane era già sua, ma Massimo non si è accontentato e con un misurato 12 a 11 si è preso anche l’oro.
Ho lavorato tanto per questo risultato, non potevo permettere che un momento di black out rovinasse tutto – ha spiegato il campione marchigiano al termine della gara –. Sono molto contento di come ho reagito e di come ho ripreso il controllo. Questa Carta è davvero importantissima. Mi auguro di avere la possibilità di vestire i colori azzurri a Rio e provare a migliorare il risultato londinese di tre anni fa”.
E’ stata una gara molto difficile sia per il caldo che per le condizioni sul campo – ha commentato il Direttore Tecnico Albano Pera – Le lunghe attese tra una serie e l’altra hanno reso tutto più complicato. Ma alla fine conta il risultato. Dopo il 22 della terza serie, Massimo (Fabbrizi, ndr) di è comportato da quel gran campione che è. Sono molto soddisfatto anche degli altri ragazzi, Resca e Grazini, che hanno lottato fino all’ultimo realizzando un risultato d’eccellenza. Lo stesso vale per le ragazze che ieri hanno sfiorato il risultato. La stagione è ancora lunga e noi l’abbiamo iniziata alla grande”.
Riguardo la gara della Fossa Olimpica femminile, a vincere la prima e la medaglia d’oro è stata la statunitense Corey Cogdell, ventinovenne originaria dello stato dell’Alaska già medaglia di bronzo ai Giochi di Pechino 2008. Per arrivare alla vetta del podio la Cogdell ha dovuto avere ragione della venticinquenne australiana Laetisha Scanlan, regolata con un secco 13 a 9 nel gold match. Consolante per la giovane tiratrice di Melbourne il fatto che, insieme all’argento, le è arrivata anche la carta per Rio 2016, seconda ed ultima per la sua nazione.
Fuori dai giochi per le medaglie e le Carte le azzurre, partite tutte e tre con un poco brillante 22/25 nella prima serie di gara. Nelle altre due serie la Campionessa Olimpica Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore e la Campionessa Europea in carica Deborah Gelisio (Forestale) Di Mel (BL) si sono rimesse in corsa, facendo registrare, rispettivamente, un doppio 24 ed un 25, 23. Per entrambe il totale finale è stato di 70/75, un punto in meno del 71 necessario all’ingresso in semifinale. Un po’ appannata Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI). Dopo il 22 iniziale l’azzurra ne ha infilato un altro nella seconda serie ed ha concluso la gara con un 21. Con 65/75 non è salita oltre la 27ª piazza.
Domani, mercoledì 4 marzo, le gare si fermeranno per gli allenamenti ufficiali di Double Trap.

RISULTATI
Fossa Olimpica
Uomini: 1° Massimo FABBRIZI (ITA) 122/125 (+3) – 13/15 – 12/15; 2° Michael DIAMOND (AUS) 124 – 13 – 11; 3° Manavjit Singh SANDHU (IND) 123 – 12 (+2) – 12 (+3); 4° Joao AZEVEDO (POR) 122 (+3) -12 (+2) – 12 (+2); 5° Norbert NEGYL (HUN) 123 – 12 (+1); 6° Brian BURROWS (USA) 123 – 11; 20° Daniele RESCA (ITA) 120; 26° Valerio GRAZINI (ITA) 120;.
Donne: 1ª Corey COGDELL (USA) 71/75 – 12/15 (+10) – 13/15; 2ª Laetisha SCANLAN (AUS) 73 – 14 – 9; 3ª Natalie Ellen ROONEY (NZL) 71 – 10 (+2) – 13; 4ª Kayle BROWNING (USA) 71 – 12 (+8) – 11; 5ª Arianna PERILLI (SMR) 72 – 10 (+1); 6ª Weiyun DENG (CHN) 71 – 10; 6ª Jessica ROSSI (ITA) 70; 7ª Deborah GELISIO (ITA) 70; 27ª Silvana STANCO (ITA) 65.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.