Giochi Europei, Pellielo bronzo nel Trap maschile

Oro e Carta Olimpica per il russo Alipov. Domani la gara mista con Massimo Fabbrizi e Jessica Rossi

Giochi Europei, Pellielo bronzo nel Trap maschile

Baku – La prima medaglia del tiro a volo italiano ai Giochi Europei se la mette al collo Giovanni Pellielo. Il quattro volte Campione del Mondo e tre volte medagliato olimpico, non ha mancato l’occasione di confermarsi come uno dei migliori tiratori di questa specialità e lo a fatto salendo sul terzo gradino della prima edizione delle “olimpiadi” continentali.

Vercellese portacolori della Polizia Penitenziaria, Johnny si è qualificato per la semifinale con 122/125, secondo miglior punteggio alle spalle del 123 dello slovacco Erik Varga e del russo Alexey Alipov. Nei 15 piattelli di selezione per i medal matches, l’azzurro ha complicato la sua rincorsa verso l’oro sbagliando il primo piattello, ed alla fine si è trovato a quota 13, pari merito con Alipov con cui ha spareggiato per guadagnare un biglietto per il gold match contro Varga, perfetto con 15/15.

Al termine di un duello molto intenso, in cui Alipov e Pellielo hanno messo in gioco tutta la loro maestria, l’italiano ha ceduto le armi al russo in occasione dell’ottavo turno di tiro, regalandogli l’accesso al medal match più ambito con +7 a +8.

Nel bronze match Pelleilo ha affrontato l’inglese Edward Ling, Vice Campione del Mondo 2014, e non ha avuto alcun problema a regolarlo con un secco 13 a 11.

Sono contento di essere arrivato al podio, era importante esserci – ha dichiarato Pellielo prima della premiazione –. Un po’ di amaro in bocca però ce l’ho. Il primo piattello della semifinale l’ho rotto, lo hanno visto tutti tranne i giudici. Ho provato a contestare, ma non mi è stata data neanche la possibilità di commentare ed il Jury ha fatto proseguire la gara normalmente. Alla fine, comunque, bisogna accettare le decisioni ed andare avanti. Il bronzo lo dedico al mio grandissimo Commissario Tecnico Albano Pera che è la mia più grande forza”.

Anche il Direttore Tecnico punta il dito contro la conduzione arbitrale “Quello zero, che zero non era, ha condizionato tutto il resto della gara. Johnny (Pellielo, ndr) avrebbe potuto scontrarsi con Varga per l’oro. Un arbitro che commette un errore del genere non dovrebbe trovarsi a condurre gare di questo livello. La cosa più assurda è che, malgrado Johnny avesse alzato la mano per contestare la decisione, non gli sia stata data la possibilità di farlo. Fortunatamente è un grandissimo campione ed ha saputo mantenere la concentrazione. Non ce n’era bisogno, ma ha dimostrato ancora una volta che c’è sempre quando conta esserci. E’ stato molto bravo anche Massimo (Fabbrizi, ndr), ma ha commesso due errori di troppo. I nuovi campi con macchinari precisi e piattelli morbidi riducono le difficoltà e danno modo a molti più tiratori di fare il buon risultato. Non si può andare oltre i tre errori, altrimenti si rischia di restare fuori dai giochi”.

Sul podio davanti a Pellielo sono saliti Alipov, oro e carta olimpica con un perfetto 15/15, e Varga, argento con 14/15.

Ottavo Massimo Fabbrizi. Come anticipato da Pera, il carabiniere di Monteprandone (AP), medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Londra 2012, ha concesso troppo agli avversari e con i due 24/25 siglati in mattina è salito fino a quota 120, con due piattelli di ritardo rispetto ai sei semifinalisti.

Fabbrizi tornerà in pedana domani in compagnia di Jessica Rossi (Fiamme Oro) per la novità di questi European Games, ovvero la gara a coppie miste. Entrambi i tiratori avranno a disposizione 25 piattelli ed i migliori team si affronteranno in scontri diretti per le medaglie. La semifinale ed i medal matches sono previsti per le 12.45 di domani.

RISULTATI

Trap Uomini: Alexey ALIPOV (RUS) 123/125 – 13/15 (+8) – 15/15; 2° Erik VARGA (SVK) 123 – 15 – 14; Giovanni PELLIELO (ITA) 122 – 13 (+7) – 13 ; Edward LING (GBR) 122 – 12 – 11; 5° Manuel MANCINI (SMR) 122 – 11; 6° Jesus SERRANO (ESP) 122 – 11; 8° Massimo FABBRIZI (ITA) 120.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.