Il tecnico della U23 strada di ciclismo Marino Amadori
Il tecnico della U23 strada di ciclismo Marino Amadori

A distanza di una settimana dalla corsa per i pro, si celebra la Ronde Van Vlaanderen per Under 23, primo appuntamento della Coppa delle Nazioni, prestigiosa challenge internazionale che lega tutte le più importanti classiche del ciclismo dilettantismo su strada. Per la Corsa del Muri, il responsabile di settore Marino Amadori ha convocato Simone Antonini (As Mastromarco Dover), Alberto Bettiol (As Mastromarco Dover), Ignazio Moser (BMC Development Team), Mirko Trosino (Mastromarco Chianti Sensi Benedetti), Mirko Ulivieri (As Mastromarco Dover) e Stefano Verona (As Mastromarco Dover).
“Siamo pronti per questo primo grande appuntamento di Coppa delle Nazioni del 2013” spiega Amadori. “Sarà una corsa bella e impegnativa, le strade della Ronde anche tra gli Under23 offrono sempre emozioni e grande spettacolo. Negli ultimi anni siamo sempre stati protagonisti, nel 2011 abbiamo vinto con Salvatore Puccio e lo scorso anno abbiamo ottenuto il terzo posto con Kristian Sbaragli. Il livello degli atleti in gara è molto elevato e quindi per noi sarà un’ottima occasione per testarci a livello internazionale. Anche quest’anno cercheremo di interpretare al meglio la corsa, abbiamo una buona squadra con tre corridori adatti a questi percorsi come Bettiol, Trosino e Moser. Lo scorso anno abbiamo chiuso la classifica di Coppa al terzo posto, nel 2011 al secondo posto e anche per il 2013 puntiamo a riconfermarci ai nostri livelli. Come sempre ringraziamo le società di appartenenza dei corridori per il loro impegno e la disponibilità che ci permette di prendere parte alla Coppa delle Nazioni, è un esempio concreto della collaborazione tra le squadre e la nazionale. Con me in ammiraglia ci sarà Gabriele Balducci, che conosce bene le strade del nord, e che è il tecnico della squadra dalla quale abbiamo selezionato più atleti per questa prova.”

Avatar
Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.