Grand Prix FIDE Tashkent, Caruana al bivio

Grand Prix FIDE Tashkent, Caruana al bivio
Torneo di Scacchi di Saint Louis

Fabiano Caruana impegnato nel sesto turno del torneo di Saint Louis

Il rischio, per Fabiano Caruana, è che se continua con questo trend, in pochi giorni si brucerà tutto il credito che in Italia è riuscito a costruirsi in questi tre mesi di vittorie. Con l’ultimo pareggio di oggi nella seconda prova del Grand Prix FIDE Tashkent, infatti, Fabiano ha confermato di essere alle prese con un’improvvisa e fulminante crisi di gioco, al punto da veleggiare all’ultimo posto della classifica provvisoria, anche se non da solo. Lui che a questo torneo approdava con il punteggio Elo maggiore; lui che aveva, solo un mese fa, collezionato ben sette successi consecutivi, suscitando l’entusiasmo del popolo degli scacchi, italiano e mondiale, come l’alter ego, per stile di vita e di gioco, dell’attuale campione del Mondo di scacchi Carlsen.
La crisi che si era fatta intravedere alla fine del primo Grand Prix FIDE a Baku è ormai conclamata. Nelle prime due partite dell’appuntamento di Tashkent, Caruana ha collezionato una sconfitta, ieri contro il francese Vachier-Lagrave, e un pareggio, oggi contro Jobava, con un andamento della partita che sinceramente vale quanto una sconfitta. Infatti dopo solo 15 mosse il georgiano ha perso la donna per una torre ed alfiere: una partita segnata, non solo in un campionato del mondo ma anche in un semplice scontro tra giocatori della domenica. Non per Caruana, che è riuscito a complicarsi la vita e pattare dopo aver anche rischiato di perdere. Il secondo appuntamento FIDE appare in salita, con il primo della provvisoria, il francese Vachier-Lagrave, a punteggio pieno con 2 vittorie e non, apparentemente, intenzionato a farsi da parte.
A questo punto diventa urgente per lo staff di Caruana fare un’analisi dettagliata di quanto sta accadendo e cercare, per quanto possibile, di porre rimedio in corsa. Il rischio, come detto all’inizio dell’articolo, non è solo la vittoria nel torneo, ma la perdita di tutto il credito che il giocatore italo americano era riuscito a costruire in questi ultimi mesi. A cominciare da una scelta più accurata del calendario, non esponendo Caruana a una serie infinita di partite che, a lungo andare, logorano anche il più coriaceo dei giocatori, figuriamoci un ragazzo di 22 anni. In questo senso la scelta di partecipare al Grand Prix invece di puntare solo a mantenere l’attuale Elo (che gli avrebbe permesso in qualsiasi caso di partecipare al torneo dei candidati) appare un salto azzardato. Si tratta forse di eccessiva ingordigia nel voler accaparrare montepremi che solo sulla carta apparivano facili?
Inoltre sarebbe opportuno ascoltare una parola chiara e definitiva su quale sarà il suo futuro. Non è infatti un mistero che da quando Fabiano ha scelto di giocare per l’Italia, il mondo scacchistico ha iniziato a chiedersi: “fino a quando?”. I regolamenti internazionali permettono ad un giocatore dal doppio passaporto di scegliere di giocare in qualsiasi momento per uno dei paesi di cui possiede la nazionalità. Il movimento scacchistico ha sempre pensato che le sirene statunitensi potessero essere tali da riuscire, prima o poi, a portare Caruana sotto la bandiera stelle e strisce. Bandiera che, detto per inciso e come piccolo segno del destino, ha campeggiato sotto il nome di Caruana in questi due primi giorni del Grand Prix FIDE. Poi qualcuno ha avvertito gli organizzatori ed tornato il tricolore, ma il dubbio che si sia trattato di qualcosa di più di una semplice svista (e che svista; possibile che nessuno dello staff di Caruana se ne sia accorto?) resta.
Adesso che Fabiano è n. 2 al mondo e seriamente candidato a diventare lo sfidante di Carlsen, le sirene sono diventate ancora più insistenti, corroborate anche dalla vittoria nella Sinquefield Cup. Proprio queste voci, a nostro avviso, sono alla base dell’improvvisa crisi di gioco del campione nato a Miami. Proprio quando queste sono diventate più forti, infatti, è iniziata la crisi di risultati che non appare ancora conclusa. Crediamo che una parola chiara e, perché no definitiva, dello stesso, invece, potrebbe portare quella serenità che sta pian piano svanendo. Crediamo che Fabiano prima o poi si debba porre il problema di fugare per sempre i dubbi e, come abbiamo ricordato in altro post, la scelta dell’Italia è sicuramente quella vincente. Difficilmente, infatti, Caruana potrà riuscire a scalzare dal cuore degli appassionati americani quel Fisher che ha scritto, a torto a ragione, la storia di questo sport. Non ha il talento e il furore agonistico del predecessore. Non ha, soprattutto, alcun “impero del male” da abbattere e nessuna supremazia “del modello occidentale” da affermare. Gli scacchi USA sono attualmente un coacervo di giocatori frutto della globalizzazione, con nomi italiani o orientali o russi o ucraini, con i quali è difficile l’identificazione per il pubblico medio statunitense che, tra l’altro, non affida più agli scacchi missioni salvifiche da fine del mondo. Senza contare che il talento di Fisher ha talmente abbacinato la critica di quel paese al punto da essere indiscutibile e ancora oggi indiscusso. Insomma Caruana non potrà che essere, se mai dovesse scegliere la causa USA, uno dei tanti campioni in una delle tante discipline sportive, molto lontano e distante da un eroe del basket o della NFL.
Discorso diverso, invece, sarebbe (e in questi mesi se n’è già avuta una prova) in Italia. In un paese alle prese con una fuga massiccia di “cervelli”, il ritorno a casa del “cervello” per eccellenza sarebbe il motivo di orgoglio per lo sport e per la società italiana, alla ricerca di modelli positivi da contrapporre ad una crisi infinita. Il posto di Caruana, soprattutto se mai dovesse arrivare al campionato del mondo, sarebbe nel pantheon dello sport italiano, accanto a leggende viventi come la Pellegrini o passate come Coppi e Bartali. Insomma qualcosa che nessun altro Paese sarebbe in grado di offrirgli e che andrebbe ben oltre un ingaggio milionario o una sponsorizzazione da favola.
Un destino questo che però comincia con una scelta, forte e decisa. Perché questo paese, disposto anche a perdonare l’Ettore perdente, non si merita di essere un ripiego e, soprattutto, non si può permettere di sperperare risorse per poter vivere in un sogno.

5 Responses to "Grand Prix FIDE Tashkent, Caruana al bivio"

  1. alex  23 ottobre 2014 at 09:42

    Estremamente dietrologico come tutti gli articoli recenti appartenenti a questa testata e che riguardano Caruana. La realtà è con ogni probabilità assai più semplice: l’attuale appannamento (non parlerei di crisi, visto che Fabiano viene dalla recentissima vittoria nel torneo analogo di Baku, sia pure in coabitazione) è frutto degli alti e bassi ai quali tutti i top player (Carlsen compreso) vanno incontro. La partita di ieri non era assolutamente facile da vincere anche dopo il guadagno di materiale (ma forse lo sarebbe stata… per l’estensore dell’articolo!) e quanto alla credibilità generale di Caruana, fermo restando che la maggioranza degli italiani neppure sa chi è, e che COMUNQUE VADA sarà sempre condannato ad essere famoso solo nell’ambito della nicchia degli appassionati, credo che nessuno neppure tra i suoi fans più accaniti avrebbe potuto immaginare, anche solo un anno fa, che a stretto giro si sarebbe ritrovato con il ranking attuale. Quindi: godiamoci un campione straordinario, incoraggiamolo nei momenti di appannamento come quello attuale (ha tuttora la possibilità di un ottimo piazzamento, anche a Taskent) ed evitiamo analisi catastrofiste e totalmente immotivate come quelle che ultimamente tendono ad apparire qui.

    Rispondi
    • Antonio Ungaro  23 ottobre 2014 at 17:44

      Non capisco “l’accusa” di dietrologia, soprattutto quando si commentano fatti sportivi. Che si vinca o si perda esiste sempre una spiegazione e quasi mai questa è legata solo al caso. La differenza tra un campione e un ottimo giocatore, in ogni sport, è la capacità di tenere uno standard di prestazione mediamente superiore agli avversari per la maggior parte della stagione. Cercare una spiegazione non può essere tacciato negativamente di “dietrologia”, perché altrimenti ogni commento legato ad un evento sportivo perde di senso, se non fatto da tifosi i quali, rinomatamente, esaltano sempre le imprese dei propri eroi; “a prescindere”, direbbe Totò.

      Rispondi
  2. Flachtenai  23 ottobre 2014 at 11:30

    Io invece trovo lucido l’articolo, soprattutto nella parte che descrive le possibili motivazioni per “rimanere italiano”.
    Sotto il profilo tecnico, la mia modestissima impressione non è che Caruana non sappia come muovere, bensì che stia cercando qualche strada diversa, clamorosa, innovativa. Il che – è vero – non gli sta riuscendo, ma lui sta provando a “lasciare un segno”. Forse c’è da chiedersi perché faccia questi tentativi in tornei così importanti. Io direi che è per provare a stupire.
    In ogni caso, condivido anche l’ipotesi sovraffaticamento e stress: è sotto i riflettori da troppi mesi di tornei al massiom livello giocati senza interruzione. Gli servirebbe una bella pausa, dalla quale invece si è auto-escluso.

    Rispondi
  3. alex  24 ottobre 2014 at 13:19

    Rimango assolutamente della mia idea: Caruana è reduce da una prestazione a St. Louis ineguagliata nella storia, fin dai tempi di Fischer; successivamente ha vinto per spareggio tecnico e in un modo appena “normale” il Grand Prix di Baku (prego credere che è l’eccezionalità a dover essere rimarcata, non la normalità) e adesso sta attraversando un periodo di forma meno brillante. Succede a tutti gli sportivi, in tutti i campi, inutile andare a cercare chissà quali motivazioni che con gli scacchi non hanno nulla a che vedere, montando casi che con ogni probabilità non esistono, quali la faccenda della bandiera sotto la quale giocare o, peggio ancora, tirare in balle la faccenda della fuga dei cervelli dal nostro Paese (a proposito della quale mi viene da dire, visto che è stato citato Totò: “ma mi faccia il piacere…”)

    Rispondi
  4. Redazione  24 ottobre 2014 at 17:49

    Non crediamo che gli oltre 2800 punti elo di Caruana siano frutti del caso o di una prestazione “straordinaria”, ma rispecchino il suo effettivo livello di gioco. Se adesso sta rendendo meno la spiegazione può essere quella indicata da alex (periodo di forma) oppure da noi o suggerita da Flachtenai.
    Restiamo convinti, però, che quanto accade lontano dalla scacchiera in qualche modo condizioni il giocatore.
    Riguardo il peso di Caruana nello sport italiano e in questa “contingenza” sociale, se non fossimo convinti che lo sport ricopre un ruolo fondamentale nella nostra società, probabilmente non avremo dato neanche inizio all’avventura di Sport24h. Anche gli scacchi partecipano a questo compito. Prova ne è l’improvvisa notorietà di Caruana in occasione del torneo di St. Louis (diretta sky e pagine di quotidiani, non solo sportivi). Non percepire il valore simbolico di questo non rende merito soprattutto al giocatore.

    Rispondi

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.