Il modello i20WRC che esordirà il prossimo anno nel mondiale rally

La Hyundai crede nello sport, come veicolo per la comunicazione e come luogo privilegiato per sviluppare competenze e tecnologie. Per questo motivo la casa coreana, dopo 10 anni torna nel mondo del rally con il nuovo modello i20 WRC, presentato al recente Salone di Parigi. L’annuncio è stato dato da Mark Hall, Marketing Director di Hyundai Motor Europe: “Il Mondiale Rally FIA è uno del Campionati più emozionanti al mondo, pieno di adrenalina, dinamismo e sensazioni che esprimono al meglio i valori del brand Hyundai. L’attività nel WRC obbliga infatti i Costruttori a confrontarsi con le tecnologie più avanzate. La nostra partecipazione dimostrerà l’eccellenza del know-how Hyundai nella progettazione e nell’affidabilità, permettendoci di sfruttare la tecnologia anche nello sviluppo di futuri prodotti destinati alla produzione di serie.”
La casa coreana è vicina allo sport, soprattutto il calcio, con le importanti sponsorizzazioni di tutti gli eventi Fifa, dal Campionato Mondiale del 2002 (Corea e Giappone). La passione del calcio, però, è cominciata nel 1999 con la partnership a UEFA Eurotop, accordo in vigore fino al 2017 e che ha garantito la partecipazione del colosso automobilistico a tutti i Campionati Europei, compreso l’ultimo in Polonia Ucraina.
Per gli imperscrutabili destini del marketing, poi, Hyundai è anche sponsor esclusivo per le competizioni di salto con gli sci organizzate dalla Federazione Internazionale. Adesso si appresta a tornare in un mondo, quello del rally, che ha lasciato nel 2003 e nel quale esordì nel 1998. Dal 2000 al 2003, il team Hyundai ha partecipato nella “Top class” (2000cc) con la Accent 3 porte appositamente sviluppata.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.