New Delhi – Dopo quello conquistato ieri da Daniele Resca, nel forziere della squadra italiana impegnata nella Coppa del Mondo ISSF in India oggi è entrato un altro oro. A meritarselo sono stati Alessia Iezzi e Valerio Grazini, primi nella classifica del Mixed Team di Trap.

La coppia mista di carabinieri, la Iezzi di Manoppello (PE) e Grazini di Viterbo (VT), ha dominato le qualificazioni guadagnandosi il primo posto nel medal match per l’oro e l’argento con un ottimo 145/150 (72 punti la Iezzi e 73 Grazini, ndr) e nel duello per la vetta del podio hanno affrontato il team slovacco formato da Zuzana Rehak Stefecekova e Adrian Drobny, rispettivamente numero uno e 84 del ranking mondiale. Gli azzurri hanno subito messo in chiaro che non avrebbero concesso sconti e, conquistata la prima posizione sin dai primi lanci, hanno guidato il match fino alla fine, vincendo con 39/50 a 36/50 ( 21 punti la Iezzi e 18 Grazini, ndr).

Di bronzo la coppia turca composta da Safiye Sariturk e Yavuz Ilnam con 38/50.

Lontana dai giochi per le medaglie la squadra composta da Fiammetta Rossi (Fiamme Oro) di Manoppello (PE) e Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO), ottavi con il totale di 138/150.

“Chiudiamo la gara con un’altra bella medaglia d’oro e la cosa mi regala molta soddisfazione – ha commentato il Direttore Tecnico Nazionale Albano Pera – E’ stata una competizione difficile, sia a livello tecnico sia logistico. I tiratori si sono presentati all’appuntamento in ottima forma fisica e tecnica. Siamo stati lontani per tanto tempo dalle gare internazionali e la squadra ha concretizzato una prestazione di altissimo livello. Bravi tutti!”.

Il prossimo appuntamento con la Coppa del Mondo ISSF è fissato dal 7 al 17 maggio a Lonato del Garda (BS). Già iscritti 470 tiratori da 36 nazioni.

Avatar
Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta