Inghilterra Italia, l’Inno di Mameli e divertirsi.. basteranno?

Inghilterra Italia, l’Inno di Mameli e divertirsi.. basteranno?
6 nazioni 2015, Inghilterra Italia, Canta l'Inno con la Nazionale

Gli azzurri a 24 ore dalla partita Inghilterra Italia in allenamento a Londra

Canta l’Inno con la Nazionale è l’iniziativa di Cariparma, main sponsor della Federazione Italiana Rugby, legata all’edizione 2015 del 6 Nazioni che invita ogni appassionato a trovare 14 amici_compagni_conoscenti per comporre una squadra di XV persone (tanti sono i titolari di una squadra di rugby) e cantare l’Inno della Nazionale (informazioni alle pagine FB  e app). Ad oggi (a poco più di una settimana dall’inizio del concorso), le squadre che si stanno candidando per cantare l’inno in campo con gli azzurri prime delle partite contro Francia e Galles in fase di formazione sono 348.
Il XV vincente probabilmente proverà qualcosa di simile a quanto riportato nel video che abbiamo realizzato in occasione della partita di esordio del Torneo, Italia Irlanda.

Non male!
Ci chiediamo se basterà questo nelle prossime partite per risolvere i “problemi” Francia e Galles, magari il XV aggiuntivo che sarà in campo con gli azzurri potrà dare quella spinta necessaria all’Italia per superare i propri limiti.

Intanto, a meno di 24 ore dall’incontro con l’Inghilterra, parla capitan Parisse: “Non ho dubbi che da parte dello staff e dei giocatori dell’Inghilterra, vi sia sempre un grande rispetto nei nostri confronti. Anche se gli inglesi stanno giocando ad un livello veramente alto, sono certo che loro siano consapevoli del fatto che non è mai facile giocare contro l’Italia. Arrivano da una grande vittoria a Cardiff e, per esperienza, questo potrebbe influire in qualche modo sulla gara di domani. Ogni volta giocare a Twickenham è un grande piacere, un onore per qualsiasi giocatore di rugby. Noi arriviamo da una sconfitta interna contro l’Irlanda frustrante per come è maturata, sapevamo che avremmo potuto perdere contro gli irlandesi, ma non è stato bello il modo in cui la gara è andata, il fatto che non abbiamo giocato il nostro rugby, non abbiamo imposto nulla. Non abbiamo giocato come avremmo potuto, questo è quello che vogliamo cambiare domani. Da lunedì abbiamo cercato di non pensare più all’Irlanda, io per primo, pur odiando perdere, ho cercato di essere positivo quanto più possibile, a spronare la squadra nel modo giusto Vincere le partite non è possibile difendendo soltanto: nonostante le pressioni, nonostante tutto, questo è un gioco e domani dovremo divertirci. Osare, e divertirci” ha concluso Parisse.

Queste le formazioni domani in campo a Twickenham:

Inghilterra: Brown; Watson, Joseph, Burrell, May; Ford, Youngs B.; Vunipola B., Robshaw (cap), Haskell; Kruis, Attwood; Cole, Hartley, Marler

a disposizione: Youngs T., Vunipola M., Brookes, Easter, Croft, Wigglesworth, Cipriani, Twelvetrees

all. Lancaster

Italia: McLean; Sarto, Morisi, Masi, Venditti; Haimona, Gori; Parisse (cap), Bergamasco Ma., Minto; Bortolami, Biagi; Castrogiovanni, Ghiraldini, De Marchi Al.

a disposizione: Manici, Aguero, Chistolini, Furno, Vunisa, Palazzani, Allan, Bisegni

all. Brunel

arb. Lacey (Irlanda)

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.