Sono aperte le iscrizioni al FIP eBasketTour 2021, il circuito di tornei su PlayStation giocati con NBA2K22. La Federazione Italiana Pallacanestro amplia, con questa iniziativa, la propria presenza nel mondo degli e-sports con tre importanti appuntamenti per PS4 e PS5 nel 2021.

Le date

25-31 ottobre: FIP eBasket Tour 1v1 – deadline iscrizione: 24 ottobre, ore 12:00
15-21 novembre: FIP eBasket Tour 5v5 – deadline iscrizione: 14 novembre, ore 12:00
13-19 dicembre: : FIP eBasket Tour 1v1 e 5v5 – deadline iscrizione: 12 dicembre, ore 12:00

Grazie all’intesa con il publisher 2K Games, l’azienda statunitense produttrice del titolo NBA 2K, la FIP potrà quindi organizzare in Italia il proprio circuito, dove si alterneranno tornei 1v1 e 5v5, giocati sulle piattaforme PlayStation 4 e PlayStation 5. L’intesa con 2K Games è stata raggiunta anche grazie alla NBA.

La spinta ad organizzare Tornei ufficiali su NBA2K22, il titolo più famoso a livello planetario sul basket, nasce dalle buone prestazioni fornite dalla e-Nazionale nelle tre edizioni del FIBA Open, i tornei online che la Federazione internazionale ha promosso a partire dal maggio 2020 dove gli Azzurri hanno centrato una vittoria (nella prima edizione), un terzo posto (nella seconda) e un quinto posto (nella terza).

Ai risultati agonistici ha fatto riscontro una grande risposta della community dei player italiani, a conferma di quanto gli e-sport siano una realtà rilevante anche nel nostro Paese.

Per partecipare ai Tornei basta scrivere a ebasket@fip.it. Nella email di risposta arriveranno le modalità per registrarsi ed accedere al sistema FIP-eBasket.

FIP eBasket Tour ha già vissuto due tornei pilota (su PS5) ad inviti: ArtoTRVP ha vinto il Torneo 1v1, mentre gli Spartans (Iriiot, Sickmickmea, Trustinpezzo, Drjimbc, Justfala_2K) il Torneo 5v5.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta