La polacca Aleksandra Kalucka e l’indonesiano Rahmad Adi scrivono il loro nome nella storia dell’arrampicata sportiva, diventando i primi vincitori di sempre dell’IFSC Connected Speed ​​Knockout. Non male l’Italia, che sale sul podio di questa innovativa formula, che segna anche il ritorno alle gare internazionali dell’Arrampicata Sportiva dopo il blocco mondiale dell’attività.

Infatti salgono sul podio anche Gianluca Zodda, secondo nella gara uomini con un tempo che sfiora il record italiano di Ludovico Fossali, e Giulia Randi, terza tra le donne.

L’indonesiano Adi ha segnato il miglior tempo alla fine del turno di qualificazione – fermando il cronometro a 5.762 “- e si è fatto strada attraverso la corsa alla medaglia d’oro prevalendo sui suoi compagni di squadra Aspar Jaelolo e Alfian Muhammad, insieme a Deulin. Non ha brillato il campione del mondo in carica Fossali, che è uscito ai quarti, superato dal russo Deulin. Da segnalare invece l’impresa dell’altro italiano in gara, Zodda, che nelle semifinali si è sbarazzato del forte Timofeev.

Tra le donne la Kalucka ha segnato il secondo miglior tempo nelle qualificazioni, per poi superare in sequenza la russa Darya Kan, l’Indonesia Nurul Iqomah e Giulia Randi in semifinale.

L’evento è stato trasmesso in streaming live su Facebook e YouTube e può essere ancora visto su queste piattaforme.

Risultati femminili

Risultati Femminili

Risultati maschili

Risultati Maschili

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta