Milano. Dopo due giorni di allenamenti al Palalido, la Nazionale di coach Sacchetti è pronta a lasciare l’Italia per disputare le prime amichevoli in vista del torneo Preolimpico di Belgrado (29 giugno/4 luglio).

Dal 17 giugno, gli Azzurri saranno impegnati nella VTG Supercup di Amburgo e scenderanno in campo contro la Tunisia (venerdì 18 giugno, ore 17.00), la Repubblica Ceca (sabato 19 giugno, ore 17.00) e la Germania (domenica 20 giugno, ore 20.30). Le tre gare saranno trasmesse in diretta su Eurosport 2 e Eurosport Player.

Sull’aereo per Amburgo, il CT porterà 14 giocatori: Davide Alviti e Simone Zanotti sono stati autorizzati a lasciare il raduno. Il primo per un trauma distrattivo di secondo grado del muscolo psoas i cui tempi di recupero non sono compatibili con i programmi di allenamento della squadra in funzione del torneo Preolimpico. Il secondo per scelta tecnica.

I 14 Azzurri per la VTG Supercup di Amburgo

#0 Marco Spissu (1995, 184, P, Banco di Sardegna Sassari)
#1 Niccolò Mannion (2001, 188, P/G, Golden State Warriors – NBA)
#4 Leonardo Candi (1997, 190, P/G, Unahotels Reggio Emilia)
#7 Stefano Tonut (1993, 194, G, Umana Reyer Venezia)
#9 Nicolò Melli (1991, 206, A, Dallas Mavericks – NBA)
#18 Matteo Spagnolo (2003, 193, P, Real Madrid – Spagna)
#19 Raphael Gaspardo (1993, 207, A, Happy Casa Brindisi)
#22 Giordano Bortolani (2000, 193, G, Germani Brescia)
#25 Michele Ruzzier (1993, 183, P, Openjobmetis Varese)
#30 Guglielmo Caruso (1999, 208, A, Santa Clara Broncos – NCAA)
#31 Michele Vitali (1991, 196, G, Brose Bamberg – Germania)
#33 Achille Polonara (1991, 205, A, TD System Baskonia Vitoria-Gasteiz – Spagna)
#34 Mouhamet Rassoul Diouf (2001, 206, A, Unahotels Reggio Emilia)
#45 Nicola Akele (1995, 203, A, De’ Longhi Treviso)

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta