Non si spengono i commenti per la qualificazione dell’Italia del Basket maschile ai Giochi Tokyo 2020.

Per l’Italia si tratta della 12esima partecipazione ai Giochi: 1936 (7° posto), 1948 (17° posto), 1960 (4° posto), 1964 (5° posto), 1968 (8° posto), 1972 (4° posto), 1976 (5° posto), 1980 (Argento), 1984 (5° posto), 2000 (5° posto), 2004 (Argento).

Proprio nel 2004, una volta raggiunto il punto più alto di questa avventura, quando sembrava che la pallacanestro italiana fosse lanciata verso un periodo di “vacche grasse” l’incantesimo si rompe. Da allora abbiamo collezionato solo brutte figure, fino alla bellissima partita di ieri contro la Serbia, che ha in parte riparato questi 17 anni di sofferenza.

A Tokyo 2020 (poi 2021), l’Italia giocherà nel girone con Australia, Nigeria e Germania, che ha vinto il Preolimpico di Spalato. Per avanzare alla fase successiva bisogna arrivare tra le prime due oppure come migliore terza.

Il Commissario Tecnico Meo Sacchetti conquista la sua terza Olimpiade dopo le due partecipazioni da giocatore nelle edizioni di Mosca 1980 (Medaglia d’Argento) e Los Angeles 1984 (5° posto): “Ragazzi fantastici, buoni giocatori e ottimi giocatori. Con una squadra così l’allenatore diventa più bravo. Siamo stati molto intensi in difesa nel primo tempo e abbiamo tirato bene. Siamo rimasti concentrati nonostante il loro rientro e così abbiamo chiuso la gara. Sono felicissimo per i miei giocatori, che si sono goduti con gioia questa partita”.

Gli Azzurri spezzano anche l’incantesimo che li vedeva soccombere contro la Serbia ormai dal 2008 fatte salve due eccezioni (Giochi del Mediterraneo 2009 con squadre sperimentali e amichevole nel 2014). Una striscia di sconfitte interrotta proprio in casa dei serbi e nella serata della partita numero 1.500 nella storia della nostra Nazionale maschile Senior dal 1926.

Le parole di Achille Polonara: “Siamo contentissimi perché abbiamo fatto un’impresa dopo 17 anni. Abbiamo fatto una gran partita di squadra, tutti quanti. Avevamo una gran voglia di vincere. Ci godiamo questa sera e da domani già pensiamo a Tokyo”.

Il commento del capitano, Nic Melli: “Gioia incredibile, troppo grossa. Ho detto a Nico (Mannion) che non sa quello che abbiamo fatto. Andare all’Olimpiade non succede sempre. Ce lo siamo detti prima della partita, la nostra carriera poteva cambiare con questa partita, ed è cambiata. Perché andare all’Olimpiade è qualcosa di unico. Ora ce la godiamo, è troppo bello. Sono contento per i miei compagni, tutti sono stati bravissimi a dare il loro mattoncino.”

Gli Azzurri faranno ritorno in Italia in mattinata e dopo qualche giorno si ritroveranno nuovamente per preparare l’impegno Olimpico. Il programma del raduno verrà reso noto nei prossimi giorni.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta