Lotta – Mondiali: Assunta Persico conquista il bronzo

Assunta Persico ha vinto la medaglia di bronzo nei 49 kg ai mondiali di lotta, categoria cadetti, in corso di svolgimento a Szombathely in Ungheria.  La lottatrice napoletana, che milita nella storica Ilva Bagnoli, ha condotto una gara brillante superando con sicurezza l’algerina Mokhtari e la polacca Kozlow in due incontri senza storia. L’accesso alla finale le è stato precluso dalla moldava Leorda, anche se questa sconfitta le ha consentito il diritto alla finale per il bronzo. Molto equilibrato l’incontro con l’azera Muradzada, che l’azzurrina ha condotto con lucidità e determinazione andando a coronare l’ambizione della medaglia iridata con un punteggio di 3-1, 4-3.Le soddisfazioni per la squadra azzurra non si limitano all’emozionante risultato della Persico: nella categoria 43 kg, Valentina Faccio ha sfiorato un altro bronzo andando, però, a concludere al quinto posto. Ottima gara anche la sua, partita dagli ottavi (ben 16 le atlete in categoria); l’azzurrina di Rovereto ha superato nell’ordine la bielorussa Stankevich e l’americana Doi, per poi arrendersi all’ucraina Semkiv in semifinale. La finalina per il bronzo le ha proposto la polacca Sikora alla quale si è arresa alla fine di un incontro combattuto. Dopo gli ottimi risultati di ieri e, soprattutto, di oggi c’è molta attesa per la gara di domani, che vedrà calcare i tappeti dell’Arena Savaria della cittadina magiara la neocampionessa europea dei 70 chilogrammi Dalma Caneva. Oltre a lei sarà in gara Carola Rainero nei 52 chilogrammi.
Podio mondiale, invece, sfiorato nello stile libero grazie a Marco Azzarello che, nei 46 kg, ha condotto una gara eccellente riuscendo nella difficile impresa di arrivare alla finale per il bronzo. La sua lunga gara è iniziata con un sorteggio non molto fortunato: posizionato nella parte bassa del tabellone, perciò con un turno in più da superare, l’azzurrino di Termini Imerese non si è lasciato condizionare e ha affrontato con sicurezza il bielorusso Ibrahimau battendolo per 2-1, 3-2. Negli ottavi, Azzarello si è trovato opposto al forte kazako Vladimir Kudrin che, in poco meno di un minuto, ha condotto a schiena l’azzurro. La marcia di Kudrin verso la medaglia iridata è stata inarrestabile e ha trascinato con sé anche l’azzurrino che si è trovato, così, ad affrontare l’armeno Gabrielyan nel primo dei ripescaggi. Superatolo per 0-7, 5-1, 4-0 ha affrontato con successo il secondo turno contro l’indiano Ramesh Sandeep (1-0, 0-1, 1-1) ma giunto alla finale non è riuscito a contenere l’iraniano Sarmastidizaji, che gli ha sottratto l’agognato bronzo. Nessun rimpianto, comunque, per una gara ottimamente condotta dall’azzurrino che ha mostrato di avere le giuste doti caratteriali per proseguire con successo il percorso di crescita agonistica. (com stampa)

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.