Mondiali ciclismo Paralimpico 2018: Maniago centro del mondo

Il centro friulano ospiterà dal 2 al 4 agosto i Mondiali che vedranno al via oltre 400 paratleti in rappresentanza di 46 paesi; più delle Paralimpiadi di Rio.

Mondiali ciclismo Paralimpico 2018: Maniago centro del mondo

Il due agosto scatteranno a Maniago i Campionati del Mondo Paraciclismo Strada; un evento che ha già battuto un grande record per lo sport paralimpico: con oltre 400 atleti in rappresentanza di 46 paesi, infatti, la partecipazione sarà superiore addirittura delle ultime Paralimpiadi di Rio.

“Maniago organizza da anni la prova di Coppa del Mondo di Paraciclismo – ha detto il giovane sindaco della cittadina friulana – e il campionato del mondo rappresenta per noi la giusta conclusione di un percorso iniziato tempo fa. Siamo orgogliosi di ospitare questo appuntamento.”

Abbiamo incontrato Andrea Carli in occasione del viaggio domenicale del treno “storico” lungo la linea pedemontana che collega Sacile a Maniago. Il Sindaco ci ha raccontato della vocazione industriale di Maniago, basata sulla lavorazione dell’acciaio. In origine era lavorazione solo finalizzata alla produzione di lame per coltelli: “.. dal coltello sportivo a quello domestico: la maggior parte delle lame in Italia provengono da qui…“. Un’attività in passato soprattutto artigianale, che poi si è evoluta a livello industriale, fino ad allargare il proprio sguardo oltre la semplice produzione di coltelli. “Oggi le aziende di Maniago hanno clienti in tutto il mondo e spaziano dalla produzione di coltelli da collezione in copia unica a prodotti in acciaio di precisione per l’industria automobilistica. E’ un settore che impiega circa 4000 persone, direttamente o indirettamente…“. Su una popolazione di circa 12.000 abitanti non è poco!

Se la produzione di coltelli focalizza l’attività di Maniago durante tutto l’anno, l’amministrazione ha però deciso di puntare sullo sport come volano per l’attività turistica. Al suo secondo mandato, Andrea Carli è orgoglioso della pista ciclabile pedemontana che costeggia la ferrovia (quella storica, per intenderci, ma solo la domenica, perché anzi nei giorni feriali serve per il pendolarismo e per gli studenti). Al punto da accompagnarci, noi viaggiatori di passaggio attraverso Maniago una settimana prima del Mondiale per vedere come la comunità si apprestava a vivere l’evento, lungo i 5 chilometri di pista che interessano il suo comune. Non sappiamo se sia arrivata prima la decisione di potenziare le ciclovie del comune, inserendole lungo la grande direttrice 10 che da Sacile arriva a Cividale, oppure di investire su un evento come l’organizzazione di una manifestazione internazionale. Certo è che Maniago si sta ritagliando un posto nel mondo sportivo paralimpico con la gara, ormai giunta alla terza edizione per quanto riguarda la manifestazione internazionale.

Lo ha ricordato il Presidente della FCI Renato Di Rocco in occasione della presentazione ufficiale a Roma, questo inverno, nei palazzi del Governo: “Il Paraciclismo italiano è in grande crescita e i grandi risultati ottenuti in questi anni ne sono un fulgido esempio e avere il Campionato Mondiale 2018 in Italia è il premio più meritato… Maniago, che è diventata la casa del paraciclismo.”.

Dal punto di vista tecnico si tratta di un’organizzazione importante, realizzata per mano una società storica, la ASD Giubileo Disabili Roma, di Mauro Valentini, figlio del vulcanico Mario, tecnico della Nazionale guidata da due star come Alessandro Zanardi e Francesca Porcellato. Saranno infatti 52 i titoli in palio: 26 a cronometro e altrettanti nelle prove in linea per un evento che coinvolgerà la comunità friulana per tre giorni intesi. Sarà anche l’occasione per vivere le stupende emozioni che gli organizzatori hanno predisposto come contorno all’appuntamento sportivo.

Nelle scorse giornate di lunedì e martedì Alex Zanardi insieme al collega e campione locale Michele Pittacolo (nato a Udine, Campione Mondiale nel 2014 nella Categoria C4 e bronzo Paralimpico a Londra 2012) hanno realizzato un “test” di preparazione sul circuito iridato.

“E’ un percorso straordinario, uno dei più belli su cui io abbia mai corso, assolutamente perfetto per ospitare una rassegna importante come un Mondiale. Complimenti a Mauro Valentini e al comitato organizzatore per il loro lavoro” – ha dichiarato Alex Zanardi al termine della ricognizione.

Il Commissiario Tecnico Mario Valentini replica: “Con la Nazionale Azzurra abbiamo già iniziato un lavoro di avvicinamento alla manifestazione, sarà importante arrivarci molto preparati e pronti. Ospitare i Mondiali di paraciclismo su strada è un grande onore per la città di Maniago, la Provincia di Pordenone, la Regione Friuli – Venezia – Giulia e per l’intero sport italiano.”

Per info: http://www.maniago2018.it/

Per info turistiche: www.turismofvg.it

Atleti convocati

Achenza Giovanni – Team Equa – Cat. H4
Addesi Pierpaolo – Team Go Fast – Cat. C5
Anobile Fabio – Alove Team Asd – Cat. C3
Cecchetto Paolo – Team Equa – Cat. H3
Colombari Diego – Polisportiva Passo Asd – Cat. H5
Cornegliani Fabrizio – Team Equa – Cat. H1
Cuccuru Rita – Team Equa – Cat. H3
Danzi Alessandro – Rm Cyclingteam Lapierre – Cat. C5
Farroni Giorgio – G.S. Fiamme Azzurre – Cat. T1
Masini Giancarlo – G.S. Fiamme Azzurre – Cat.: C1
Mazzone Luca – Circolo Canottieri Aniene – Cat. H2
Mele Eleonora – One Gear A.S.D. – Cat. C5
Melle Leonardo – A.S.D. Peppe Mole’ – Cat. T1
Mestroni Federico – Trirace Handcycling Team – Cat. H3
Narcisi Jenny – U.C. Petrignano A.S.D. – Cat. C4
Pittacolo Michele – Pittabike A.S.D. – Cat. C4
Porcellato Francesca – Active Team La Leonessa – Cat. H3
Pusateri Andrea – Namedsport Rocket – Cat. C1
Rancan Simone – A.S.D. Pedale Scaligero – Cat. C5
Tarlao Andrea – Alove Team Asd – Cat. C5
Vitelaru Ana Maria – Anmil Sport Italia – Cat. H5
Zanardi Alessandro – Circolo Canottieri Aniene – Cat. H5

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.