Maratona di Venezia 2014, evento green certificato 20121

Maratona di Venezia 2014, evento green certificato 20121
Maratona di Venezia, Venicemarathon

Da sx a dx: Lorenzo Cortesi, Segretario di Venicemarathon Club e Responsabile Marketing; Sara Accetta – National Key Account – Systems di TÜV Rheinland; Piero Rosa Salva, Presidente di Venicemarathon Club.

Pogliano Milanese, ottobre 2014 – 8000 runner italiani e stranieri, un percorso che si snoda dalla riviera del Brenta fino al centro di Venezia e quest’anno per la prima volta il traguardo di Evento Green: parliamo della 29^ Maratona di Venezia che, in programma domenica 26 ottobre, ha ottenuto lo status di evento sostenibile secondo lo standard ISO 20121:2012. Gli organizzatori della manifestazione hanno infatti intrapreso un percorso di certificazione ISO 20121 degli Eventi Sostenibili con la consulenza di SI.A.CO e in collaborazione con TÜV Rheinland Italia, società è leader mondiale nei servizi di certificazione ed ispezione di terza parte.
Gestire e organizzare un evento sostenibile significa per il Venicemarathon Club adoperarsi perché una serie di comportamenti riducano gli sprechi, l’emissione di anidride carbonica e la piantumazione di alberi (specie arboree) nei parchi di Mestre.
Ma non solo. Organizzare un evento sostenibile significa valutare la riduzione dell’impatto sull’ambiente e sulla comunità, il sistema di gestione e organizzazione della manifestazione e l’orientamento al rispetto del territorio e delle persone coinvolte, lo sviluppo di azioni concrete per minimizzare traffico, rifiuti, emissioni e spreco di energia e prestare massima attenzione alla sicurezza sul lavoro e all’etica: sono questi gli impegni che Venicemarathon Club ha preso e che TÜV Rheinland ha certificato secondo la normativa ISO” ha dichiarato Elio Minutella, Business Stream Manager di TÜV Rheinland Italia che ha seguito la certificazione dell’evento.
Applicato per la prima volta in occasione delle Olimpiadi di Londra 2012 (le olimpiadi più sostenibili nella storia dei Giochi), lo standard ISO 20121:2012 stabilisce i requisiti per l’organizzazione di eventi: impatto minimo sull’ambiente e sulla comunità e un contributo rilevante a rafforzare le relazioni con stakeholders, autorità locali, fornitori e clienti, dai lavoratori ai partecipanti e fruitori delle manifestazioni. La certificazione attesta che, in tutte le fasi di organizzazione e gestione dell’evento – dalla progettazione alla realizzazione, fino alla scelta dei fornitori e alle attività post evento pianificate – sono stati applicati i requisiti dettati dalla normativa: anche il ritorno economico della manifestazione risulta così nel pieno rispetto della responsabilità sociale e della salvaguardia ambientale. La certificazione di sostenibilità è applicabile a qualsiasi tipologia di evento, dalla manifestazione sportiva al concerto musicale, dal congresso scientifico al festival cinematografico.
I vantaggi per chi si certifica sono molteplici: riduzione dei consumi (energetici, idrici, ecc); aumento della propria visibilità e miglioramento della propria reputazione come soggetto impegnato nella sostenibilità; generazione di ricadute positive per il territorio creando opportunità di lavoro e valorizzando la filiera locale; aumento della consapevolezza della sostenibilità tra tutti i soggetti coinvolti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.