Minsk2019 Skeet: Bacosi d’oro, Cainero e Rossetti di Bronzo

Diana Bacosi e Chiara Cainero hanno conquistato, rispettivamente, l’oro ed il bronzo della gara femminile dei 2° Giochi Europei di Minsk. Sul podio per il bronzo anche Gabriele Rossetti al maschile.

Minsk2019 Skeet: Bacosi d’oro, Cainero e Rossetti di Bronzo

Minsk (BLR) – Diana Bacosi e Chiara Cainero hanno conquistato, rispettivamente, l’oro ed il bronzo della gara femminile dei 2° Giochi Europei di Minsk. Sul podio per il bronzo anche Gabriele Rossetti al maschile.

Dopo la doppietta dei Giochi di Rio 2016 e quella più recente dello scorso maggio alla Coppa del Mondo di Changwon (KOR) che gli è valso il pass per Tokio 2020, le super mamme dello Skeet italiano sono salite nuovamente insieme su un podio importante.

A scalare il podio fino alla vetta è stata la portacolori dell’Esercito Italiano, umbra di nascita e tosco-laziale di adozione, migliore delle qualifiche con 120/125 e prima in finale dopo una lunga e intensa sfida con la francese Lucie Antastassiou. Le due hanno concluso i lanci regolamentari con un identico 53/60 e hanno proseguito il duello nello spareggio, vinto poi dalla Bacosi con +4 a +3.

“E’ stata una gara difficile, condizionata pesantemente dalle condizioni atmosferiche, ma il fatto di essere riuscita a tenere il controllo mi conferma che sono sulla strada giusta di una buona preparazione, fisica e mentale – ha commentato l’olimpionica di Rio – Dopo la qualificazione olimpica conquistata lo scorso mese avevo bisogno di verificare la continuità del risultato e mi sono allenata molto per questa medaglia. Tanti sacrifici, tanto tempo lontana da casa dal mio Mattia e da mio marito Vincent, ma se i risultati arrivano, non l’ho fatto inutilmente. Ogni volta è più pesante lasciarli, ma questo è il mio lavoro e devo dare il meglio per lui, per l’Esercito e per la Federazione”. Alla francese, oltre alla medaglia, anche l’unica carta in palio per Tokio 2020.

Ottima anche la prova di Chiara Cainero. La carabiniera friulana, d’oro a Pechino 2008 e d’argento a Rio 2016, è entrata in finale con uno spareggio grazie al punteggio di 115/125 +9 e on si è risparmiata per scalare le pozioni in classifica fino ad arrivare al terzo gradino del podio con 42/50.

“Sto lavorando molto su questa nuova formula a 125 piattelli e sicuramente ci sono ancora degli aspetti su cui si può migliorare. Era importante accedere alla finale e provare a fare quello che avevo allenato a casa. È stato un test importante in vista del mondiale. Cercherò di lavorare sui dettagli per arrivare ancora più pronta ai miei prossimi appuntamenti”.

Di bronzo la prestazione del poliziotto toscano Gabriele Rossetti, Campione Olimpico a Rio 2016.

Rientrato tra i primi sei con il migliore punteggio di giornata (122/125), ma solo in quarta posizione dopo lo spareggio con altri tre tiratori per l’assegnazione dei dorsali, Rossetti non ha mai lasciato il gruppetto di testa e si è arreso solo all’eliminatoria del bronzo con lo score di 46/50, pari merito con il ceco Nydrle ma penalizzato dal numero di dorsale più alto. Alla fine il ceco si è piazzato al secondo posto con 56/60 alle spalle dello svedese Nilsson, oro e carta olimpica con 57/60.

“E’ stata una bella gara, molto tirata e non facile – ha commentato Rossetti al termine della finale – Ho avuto problemi con lo sfondo e la visibilità dei piattelli. Proprio per questo ho sbagliato piattelli per me facili. In più sono stato penalizzato dalla decisione di un arbitro che mi ha assegnato uno zero inesistente proprio nelle prime battute della finale. Quel piattello poteva cambiare tutto e questo mi brucia un po’. Però è la mia prima medaglia ai Giochi Europei ed ha reso speciale il mio debutto in questa competizione. Adesso mi aspetta la rassegna iridata ed il mio obiettivo è la vetta del podio”.

Assolutamente soddisfatto anche il Direttore Tecnico Andrea Benelli “Le mie ragazze ed i miei ragazzi sono stati eccezionali. Superlative Diana e Chiara, esattamente come Gabriele, meno brillante Riccardo, ma farà tesoro di questa esperienza come ha sempre fatto nel passato. Il prossimo impegno sarà il Mondiale di Lonato della prossima settimana e anche quello sarà un test importante”.

Domani la gara si concluderà con il Mixed Team. In pedana le coppie Diana Bacosi-Riccardo Filippelli e Chiara Cainero-Gabriele Rossetti. Le finali a partire dalle 13.45

RISULTATI

Skeet Femminile: 1ª Diana BACOSI (ITA) 120/125 – 53/60 (+4); 2ª Lucie ANASTASSIOU (FRA) 116/125 (+8) – 53/60 (+3); 3ª Cainero CHIARA (ITA) 115/125 (+9) – 42/50; 4ª Albina SHAKIROVA (RUS) 116/125 (+1) – 33/40; 5ª Panagiota ANDREOU (CYP) 116/125 (+7) – 22/30; 6ª Marajut HEINONEN (FIN) 115/125 (+10) – 14/20.

Skeet Maschile: 1° Stefan NILSSON (SWE) 121/125 (+12) – 57/60; 2° Tomas NYDRLE (CZE) 122/125 (+6) – 56/60; 3° Gabriele ROSSETTI (ITA) 122/125 (+1) – 46/50; 4° Emil Kjelgaard PETERSEN (DEN) 122/125 (+4) – 35/40; 5° Ben LLEWELLIN (GBR) 122/125 (+3) – 26/30; 6° Eric DELAUNAY (FRA) 121/125 (+11) – 16/20; 23° Riccardo FILIPPELLI (ITA) 113/125.

TIRO A SEGNO, CARABINA 3 POSIZIONI, AZZURRI FUORI DALLE FINALI – Penultima giornata di gare al poligono di Minsk in Bielorussia  dove è in corso la seconda edizione dei Giochi Europei. Questa mattina sono scese sulle linee di tiro le atlete di carabina sportiva 3 posizioni donne. La russa Yulia Zykova ha conquistato la medaglia d’oro (459.6) lasciando alle sue spalle la ceca Nikola Mazurova (453.9) e la russa Polina Khorosheva. Miglior prestazione quella di Petra Zublasing (Carabinieri) che è rimasta fuori dalla finale per un solo punto ed ha chiuso al decimo posto (1160). Stesso punteggio anche per la sua compagna di squadra Sabrina Sena (Carabinieri) che ha concluso la sua performance al 13esimo posto (1160).

Guarda la classifica di carabina sportiva 3 posizioni donne

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.