L’epilogo finale di questa settima partita del Campionato del Mondo di Scacchi tra Carlsen e Caruana forse tradisce qualcosa di più di una semplice patta per ripetizione di mosse: 32. Cd6 Qxc3 33. bxc3 f6 34. f4 Rf8 35. Rg1 Re7 36. Rf2 Rd7 37. Re3 Af1 38. Rf2 Aa6 39. Re3 Af1 40. Rf2.

Caruana porta Carlsen dove ha voluto e dove il norvegese non avrebbe voluto. La seconda partita consecutiva con il Bianco non si conclude come avrebbe sperato il Campione del Mondo. Dopo la grande paura di venerdì, oggi Carlsen ha battuto le strade consuete, quelle che per molti erano anche state abbondantemente preparate. Ma il risultato è sempre lo stesso. Caruana con il Nero gioca meglio, e in scioltezza, rispetto all’avversario. A parte la difficoltà nella prima partita, poi l’italo americano non ha mai dato segni di cedimento ed anzi ha rischiato di vincere nella sesta partita. Se fosse accaduto, avrebbe anche superato Carlsen nella classifica elo.

Bisogna anche ricordare che ogni patta è un piccolo tassello a favore della riconferma di Carlsen al titolo. Il norvegese infatti è sicuramente favorito nello spareggio che si giocherà il 28 novembre nel gioco veloce.

Nella conferenza stampa del dopo partita, il norvegese ha ammesso le grandi difficoltà incontrare venerdì scorso: “Dopo la partita di venerdì mi sentivo come uno che fosse scampato ad un omicidio. Oggi, al confronto, è stata una passeggiata. Certo non posso essere contento di come ho giocato questa partita, ma va bene così. Adesso mi tocca il nero, ma non mi crea alcun problema..”.

 

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.