Mondiale Scacchi, Carlsen e Caruana pareggio infinito

Nuovo pareggio tra Carlsen e Caruana. Domenica giorno di riposo. Lunedì ultima partita a cadenza classica.

Mondiale Scacchi, Carlsen e Caruana pareggio infinito

Veloce e indolore. L’11^ partita del Campionato del Mondo di scacchi tra Carlsen (Bianco) e Caruana è nuovamente un nulla di fatto. In 2 ore abbondanti e 54 mosse i “ragazzi” (28 anni uno, 27 l’altro) si dividono ancora la posta e guardano adesso all’ultima partita della serie: la 12^. Prima, però, da regolamento, una nuova pausa. Cadendo di domenica e visto che oggi hanno terminato in anticipo rispetto alle più rosee previsioni, si può tranquillamente affermare che i due si sono concessi il week end libero. Ci auguriamo per preparare al meglio la partita finale, che avrà il sapore di una sentenza senza appello. In particolare Fabiano Caruana, sfidante, avrà l’opportunità di decidere che partita giocare. A lui il Bianco, lunedì prossimo. Potrebbe aprire ancora di Re e tornare a giocare una Siciliana, variante Sveshnikov, che gli ha regalato qualche piccola soddisfazione in più. Oppure potrebbe decidere di sorprendere l’avversario e giocare un’altra apertura. Ci piace illuderci che per questa ultima partita abbia in serbo qualcosa che non ha mai giocato e che quindi Carlsen non conosce ancora.

La partita di oggi è stata una partita di Re a cui l’italo americano ha risposto con la difesa Russa. Cambio abbastanza veloce delle donne e dei pezzi pesanti e solito finale ad alfieri di campo contrapposto. Il pedone in più di Carlsen non ha creato grandi problemi a Caruana. Judit Polgar ha commentato: “Un finale difficile per il nero con un pedone in meno. Dal punto di vista teorico, patto.. ma bisogna saperlo giocare”. Caruana, da questo punto di vista, ha dimostrato di essere pronto: ad oggi non ha sbagliato un finale, come l’avversario del resto.

Non è preoccupato di giocare l’ultima partita con il Nero il norvegese: “Se Fabiano vorrà lottare, sono pronto. Altrimenti andiamo direttamente agli spareggi senza perdere tanto tempo…”.

Sfoggia tranquillità anche lo sfidante: “Non mi preoccupo molto. Cercherò di recuperare in questi due giorni. La tensione è alta per entrambi e non voglio perdere troppo tempo a pensare cosa farò Lunedì. Meglio non sprecare troppe energie nervose in vista del tiebreak.”

 

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.