Mondiali 2011: A Copenhagen bis iridato di Giorgia Bronzini

Mondiali 2011: A Copenhagen bis iridato di Giorgia Bronzini

La volata vincente di Giorgia Bronzini (foto Bettini)

Ha vinto la più forte; una delle favorite della vigilia. Ha vinto la campionessa del Mondo uscente: Giorgia Bronzini. Come Bugno, ormai quasi 20 anni fa, come solo i grandi campioni (o le grandi campionesse) sanno fare. Giorgia Bronzini ha finalizzato il lavoro della squadra diretta da Dino Salvoldi, che ha cercato sempre di mantenere compatto il gruppo per un arrivo in volata. Ha imposto la sua classe, confermandosi la donna più vincente del già tanto vincente ciclismo azzurro (a proposito Dino ha quasi raggiunto il Ballero per titoli vinti… quasi, gli manca un’Olimpiade). In pochi anni Giorgia ha vinto un titolo iridato su pista (corsa a punti), Coppa del Mondo e 2 mondiali strada. Non ce ne sono altre come lei in Italia. Poche al mondo. Complimenti.
AU
COMUNICATO STAMPA – Sulle strade di Copenaghen, l’azzurra Giorgia Bronzini si laurea campionessa del Mondo nella prova in linea delle donne elite. La piacentina ha regolato in volata l’olandese Marianne Vos e la tedesca Ina Teutenberg, bissando così il successo iridato di Geelong 2010.
Grande prova di tutta la nazionale italiana, che ha corso sempre da protagonista ed è stata tatticamente perfetta. Le azzurre hanno controllato la corsa dall’inizio alla fine. Negli ultimi due giri, la corsa ha vissuto la fuga della Canadese Clara Hughes, che ha guadagnato fino a 36″ di vantaggio massimi. Poi, le Maglie Azzurre, insieme alla squadre olandese, hanno tirato il gruppo fino a riprendere la fuggitiva a meno di 3 km dall’arrivo.
Giorgia Bronzini: “Abbiamo creduto tantissimo a questo successo. L’anno scorso fu una sorpresa anche per me arrivare in volata, quest’anno invece ci speravo. A differenza di Geelong, stavolta nessuna delle nostre avversarie ha sbagliato: sia Marianne Vos, sia Ina Teutenberg, sono state perfette. Ma noi siamo state superlative. Monia Baccaille e Noemi Cantele hanno aumentato il ritmo nel finale per allungare il gruppo, come avrei voluto che fosse. Poi, Monia è stata bravissima a partire ai 300 metri e a tirarmi la volata. Sono uscita ai meno 80, in progressione. Era quello che avevamo previsto ed è andato tutto alla perfezione.
Ancora una volta questa squadra ha dimostrato cosa significa sacrificarsi per il gruppo. Dedico questa vittoria a Franco Ballerini e a Marina Romoli. Sono sempre nel nostro cuore”.
Il CT Dino Salvoldi: “Un lavoro di squadra straordinario. Chi conosce poco il ciclismo non riesce a capire cosa vuol dire battere la fuoriclasse Marienne Vos. Noi ci siamo riusciti di nuovo grazie alla forza del gruppo e alla sua compattezza – dice il ct – Abbiamo voluto scoprire un poco le carte al terzo giro e ci siamo accorti che Monia Baccaille, l’altra nostra punta, non era al top della condizione; quindi abbiamo puntato tutto su Giorgia Bronzini. Un grande lavoro anche da parte di Monia che ha contribuito al successo. Ora guardiamo avanti, verso Londra 2012”. Per il Commissario Tecnico Dino Salvoldi è la medaglia numero 108! Per l’Italia delle donne è il quarto oro mondiale in cinque anni: 2007 Marta Bastianelli, 2009 Tatiana Guderzo, 2010 e 2011 Giorgia Bronzini. Così il CT Salvoldi: “Uno straordinario risultato da mettere in evidenza che comunque si aggiunge al bronzo olimpico del 2008 vinto da Tatiana Guderzo”.

Ordine di arrivo
1. Giorgia Bronzini (Ita), in 3h21″28
2. Marianne Vos (Ita)
3. Ina Teutenberg (Ita)
39. Monia Baccaille (Ita)
40. Alessandra D’Ettorre (Ita)
57. Elisa Longo Borghini (Ita), a 17″
63. Noemi Cantele (Ita), a 21″
97. Valentina Scandolara (Ita), a 1’11”
108. Tatiana Guderzo (Ita), a 2’23”
109. Elena Cecchini (Ita)

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.