La velocista e saltatrice in lungo delle Fiamme Azzurre, Arjola Dedaj, non vedente cat. T11 e guidata da Vanessa Palombini, salta al quarto tentativo 4.65 (4.61 al secondo), neanche il suo miglior tempo, e non ce n’è per nessuna: la giapponese Takada, medaglia d’argento, si ferma a   4.49, la cinese Zhong, bronzo, a 4.44.

Detentrice del primato italiano (4.67), l’atleta di Tirana (ALB) mette un’altra medaglia nel sacco azzurro ai Mondiali Atletica IPC in svolgimento a Londra; bottino che sale così a quota 7 medaglie (1 oro, 3 argenti e 2 bronzi).

“Che magnifico stato di forma, Arjola – ha commentato il presidente del CIP Luca Pancalli -, nella tua gara! Vivissime congratulazioni per questa medaglia pesantissima, la prima di caratura mondiale e addirittura d’oro nel tuo palmares, dopo le cinque medaglie europee. E complimenti per il carattere che dimostri ogni volta in campo, per l’impegno instancabile verso l’obiettivo che non tradisce mai, regalando emozioni a fior di pelle come questa”.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.