Mondiali Basket, Italia-Spagna 60-67. Azzurri eliminati

Sacchetti: “Sconfitta dura da digerire. Ci abbiamo creduto”. Datome: “Siamo dispiaciuti. Gettata al vento ottima occasione”. Domenica il Portorico (10.30 italiane, Sky Sport Uno e Arena).

Mondiali Basket, Italia-Spagna 60-67. Azzurri eliminati

Wuhan – Niente da fare, l’Italia perde 60-67 contro la Spagna e dice addio ai quarti di finale della FIBA World Cup 2019. Gli Azzurri, eliminati, chiuderanno la competizione affrontando il Portorico, anch’esso già out dopo la sconfitta contro la Serbia (90-47), domenica 8 settembre alle 10.30 italiane (diretta Sky Sport Uno e Arena). Comunque vada l’ultima partita, la Nazionale tornerà in Italia con il pass per uno dei tornei pre olimpici del prossimo anno. Resta dunque intatto il sogno di poter partecipare ai Giochi di Tokyo 2020.

Quando nelle partite premondiali l’Italia ha incontrato formazioni del suo livello o superiore, spesso ha perso per un nulla: per una tenuta mentale che le altre avevano e i nostri no. Soprattutto nei momenti caldi della partita, quando si procede punto a punto e serve la “self confindence” necessaria per poter portare avanti la partita fino alla fine. Questo è accaduto (ed era logico prevederlo) anche oggi, in occasione della partita più importante di tutta la stagione. Inutile nasconderci. Come ricordato in fase di presentazione, una vittoria contro la Spagna ci avrebbe aperto scenari impensabili. Invece abbiamo perso, usciamo dal torneo e torniamo a casa con il minimo sindacale.

E’ davvero grande il rammarico per aver sprecato l’occasione di battere una Spagna ostica ma comunque alla portata. Non è bastata una prova gagliarda in difesa fin dalle prime battute e nemmeno il ritorno di fiamma nel momento peggiore del match, quando gli iberici hanno provato a scappare.

Così il CT: “Questa sconfitta è dura da digerire perché ci avevamo creduto. Siamo partiti molto bene e quando la Spagna è tornata sotto abbiamo trovato le energie per rimetterci in corsa. Nel finale abbiamo fatto poco canestro. I ragazzi hanno fatto quasi tutto quello che potevano e di certo ora non è il momento di cercare imputati. Ha perso la squadra e il rammarico è grande. Quando i dettagli nel finale fanno la differenza i palloni pesano e non siamo stati bravi ad approfittare del vantaggio che avevamo accumulato. Ora vogliamo onorare il Mondiale e la Maglia giocando al meglio l’ultima partita contro il Portorico. Poi sarà il momento di fare tutte le valutazioni del caso senza dimenticare che torniamo in Italia avendo conquistato il pass per uno dei tornei pre olimpici. Ho molto rispetto per tutti i giocatori che fin qui hanno sudato e lavorato tanto”.

Molto deluso il Capitano, Luigi Datome: “Mi assumo le mie responsabilità. Abbiamo gettato al vento una stupenda occasione. L’inizio è stato buono ma poi, quando si è arrivati punto a punto nel finale non abbiamo capitalizzato il grande lavoro fatto in difesa e abbiamo realizzato pochi punti. Resta un rammarico enorme per come è finita”.

Il dentro-fuori contro la Spagna comincia alla grande per gli Azzurri, che fin dalle prime battute sembrano particolarmente ispirati. Su tutti Paul Biligha, che difende forte e segna dalla media punti importanti. In attacco girano anche Belinelli, Datome e Gallinari e gli spagnoli non trovano la lucidità per ribattere: il canestro di Biligha vale il +10 dopo 6 minuti (15-5). Da grande squadra qual è, la Spagna rimette insieme i pezzi del puzzle e con Rubio e Llull trova il pareggio (18-18) a fine primo quarto. Un peccato per l’Italia non aver approfittato appieno di un buon bottino e delle 7 palle perse dagli iberici nei primi dieci minuti. Più equilibrata la seconda frazione, con la Spagna che mette il naso avanti e sorpassa grazie alla tripla di Ribas (24-28). Salgono di tono Gentile e Gallinari, con quest’ultimo che mette a segno 5 punti consecutivi proprio nel finale. All’intervallo Italia avanti 31-30. Parte male la ripresa: Juancho Hernangomez è un rompicapo per la nostra difesa e in avanti troviamo solo i 6 punti di Gigi Datome per lungo tempo (38-46). Meo manda in campo Amedeo Della Valle e da lui parte la riscossa che ci risolleva (48-50 al 30esimo). L’ultimo spicchio di gara si apre alla grande: canestro pirotecnico di Belinelli e poi Gentile, Biligha e la tripla di Gallinari che mandano l’Italia sul 56-52. Solo 2 punti totali per la Spagna dal 30esimo al 36esimo. D’improvviso, le tenebre. Complici alcuni errori al tiro e palloni persi, la Spagna costruisce un pesantissimo 10-0 ispirato da Rubio e Llull (56-62). Un colpo da ko. Finisce 60-67 per la squadra di coach Sergio Scariolo. Serbia e Spagna ai quarti di finale. Italia e Portorico eliminate.

Italia-Spagna 60-67 (18-18, 13-12, 17-20, 12-17)

Italia: Della Valle 6 (3/5, 0/1), Belinelli* 7 (3/10, 0/6), Gentile 7 (3/8, 0/1), Biligha* 6 (3/5), Vitali L. (0/2), Gallinari* 15 (3/4, 2/5), Hackett* 5 (0/2, 1/3), Filloy ne, Brooks 1 (0/1, 0/1), Tessitori 1 (0/1), Abass ne, Datome* 12 (4/7, 1/3). All: Sacchetti

Spagna: Colom ne, Fernandez* 5 (0/1, 1/5), Ribas 5 (1/1, 1/3), Rubio* 15 (3/8, 1/3), Claver* 7 (2/2, 1/2), Gasol M.* 2 (1/6), Hernangomez W. 4 (2/5), Oriola 2 (1/2), Rabaseda ne, Llull 11 (3/6, 1/6), Beiran ne, Hernangomez J.* 16 (5/7, 1/3). All: Scariolo

Tiri da due Ita 19/45, Spa 18/38; Tiri da tre Ita 4/20, Spa 6/23; Tiri liberi Ita 10/15, Spa 13/17. Rimbalzi Ita 36 (8 Hackett), Spa 43 (9 Claver). Assist Ita 11 (4 Belinelli), Spa 12 (5 Fernandez).

Usciti 5 falli: Datome

Note: Tecnico a panchina Spagna (23-22), tecnico a Scariolo (35-37),

Arbitri: Anderson (Usa), Locatelli (Bra), Bermudez Mariscal (Mes)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.