Mondiali canottaggio: il doppio Sancassani Milani riporta l’Italia nella storia

Mondiali canottaggio: il doppio Sancassani Milani riporta l’Italia nella storia
Sancassani e Milani subito dopo la conquista del titolo mondiale doppio pl ai Mondiali in Corea (canottaggio.org)

Sancassani e Milani subito dopo la conquista del titolo mondiale doppio pl ai Mondiali in Corea (canottaggio.org)

Nella terza giornata di finali dei Mondiali di Canottaggio in corso a Chungju (Corea del Sud), l’Italia vince la medaglia d’oro nel doppio pesi leggeri femminile – specialità olimpica – che fa salire il palmares azzurro a 7 medaglie: 3 medaglie d’oro, 2 d’argento e 2 di bronzo. Sette medaglie che attestano l’Italia al primo posto nel medagliere parziale per Nazione davanti ad Australia con 5 (2 oro, 2 argento, 1 bronzo) e Gran Bretagna con 6 (2 oro, 4 bronzo).
Elisabetta Sancassani e Laura Milani nel pomeriggio di Chungju, quando in Italia era mattino presto, sono entrate di diritto nella storia del canottaggio italiano per essere state le protagoniste indiscusse nella gara del doppio pesi leggeri e le prime donne in Italia a vincere un mondiale assoluto. Una vittoria iridata che, nelle specialità olimpiche, mancava all’Italia dal mondiale del 2003 quando, a Milano, il doppio pesi leggeri di Elia Luini e Leonardo Pettinari vinse la medaglia d’oro. Una finale che le ha viste rimanere appaiate alle altre solo per i primi 500 metri, tanto da transitare seconde al rilevamento. Subito dopo le azzurre hanno imposto il loro ritmo di gara che ha fiaccato prima le tedesche e poi le statunitensi e, stando attente a non sbagliare nulla nella parte conclusiva, hanno vinto il titolo mondiale infliggendo alla barca USA 3”42 di distacco e a quella tedesca quasi cinque secondi. Insomma, una gara da incorniciare che fa essere ottimisti per il futuro sia di queste due atlete e sia del movimento remiero femminile che, senza sosta, continua la sua crescita a livello nazionale e internazionale.
Questi i commenti a caldo delle due campionesse del mondo – Elisabetta Sancassani (capovoga, Fiamme Gialle): “Finalmente abbiamo finito il mondiale e lo abbiamo fatto nel migliore dei modi. Sono tornata sul podio dopo 11 anni (Elisabetta Sancassani e Gabriella Bascelli vinsero la medaglia di bronzo nel doppio senior durante i mondiali di Siviglia 2002 ndr). Era una settimana che pensavo alla finale di oggi. Certo speravo di vincere, ma a questi livelli ogni minimo errore ti può costare caro e, anche se hai vinto sia gli europei che la coppa del mondo di Lucerna, rischi di vanificare tutto. A noi non è successo e ora sono campionessa del mondo al termine di una gara che abbiamo gestito inizialmente soprattutto con la testa e, nella seconda parte, col cuore e con la determinazione che ci ha sempre contraddistinto durante tutte le gare che abbiamo fatto”.
Laura Milani (numero due, Fiamme Gialle): “Mi hanno detto che questa medaglia arriva a dieci anni esatti dall’ultima medaglia d’oro vinta dall’Italia ai mondiali assoluti in una specialità olimpica nel 2003, con Elia Luini e Leonardo Pettinari in doppio pesi leggeri (i mondiali erano quelli di Milano e il direttore tecnico azzurro era sempre Giuseppe La Mura ndr). Mi fa molto onore questa cosa perché loro sono stati i modelli cui ci siamo ispirati per preparare questo doppio. La gara è stata molto lunga perché c’era vento contro e noi che siamo leggere a 1500 metri rischiavamo di schiantare, per cui avevo paura che potesse succedere qualcosa che non avremmo potuto gestire. Negli ultimi 750 metri ho accusato un po’ di stanchezza e allora ho detto ‘vai Betta!’ Perché so che lei quando sente questo si gasa e non molla. La barca è ripartita e siamo arrivate sul traguardo ancora piene di adrenalina anche se distrutte. È un sogno che oggi ho realizzato, ma che sto inseguendo da molto tempo. La Germania che è arrivata terza sul podio ci ha fatto i complimenti perché è capitato pochissime volte che chi vince l’europeo e poi vince la coppa del mondo di Lucerna riesce a vincere anche il mondiale. A noi è successo e ne sono felicissima”.
Domenica, con inizio 13.30 (6.30 italiane) ultimo giorno di finale con gli azzurri impegnati in quattro finali B: ore 13.38 (6.38 italiane) doppio femminile, ore 13.46 (6.46 italiane) quattro senza pesi leggeri, ore 13.54 (6.54 italiane) otto femminile e 14.18 (7.18 italiane) otto maschile senior. Per quanto riguarda i 22 equipaggi azzurri iscritti, di cui ben 14 approdati in finale, solo il doppio senior di Francesco Fossi e Romano Battisti (quest’ultimo medaglia d’argento a Londra 2012) deve concludere il mondiale gareggiando per le medaglie, alle 15.03 (8.03 italiane), contro Argentina, Nuova Zelanda, Norvegia, Lituania e Germania.
Diretta TV su RAI Sport 1 dalle 8.30 alle 10.15 e su Eurosport dalle 8.00 alle 9.45

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.