Mondiali Copenhagen 2011: domani si comincia con le crono donne juniores e U23. Ecco i favoriti

Mondiali Copenhagen 2011: domani si comincia con le crono donne juniores e U23. Ecco i favoriti

Un momento di pausa dopo gli allenamenti... (foto Bettini)

Domani mattina, con la prova a cronometro delle donne juniores, iniziano i mondiali di ciclismo su strada, i primi che vedono impegnati juniores, U23 e elite nella stessa località e in un unico programma. E’ l’avvenimento forse più importante della stagione, anche se la ricchezza di discipline ha ormai “decentrato”  l’attenzione degli appassionati. Neanche dieci giorni fa, con un’eco un po’ ridotta rispetto a quanto avrebbe meritato l’evento, si sono celebrati i mondiali di MTB, che hanno regalato agli azzurri due medaglie di bronzo (staffetta e Eva Lechner) e il rammarico di un’occasione perduta con la giornata storta di Kerchbaumer, la nostra migliore speranza nelle ruote grosse.
Adesso è il momento dei protagonisti della strada e una preziosa occasione per il movimento ciclistico italiano di rialzare la testa dopo un anno di anonimato. Se infatti i professionisti non rappresentano che una piccola parte del ciclismo, è anche vero che senza i loro successi e l’attenzione che questi sono in grado di attirare, tutto l’ambiente si deprime. Senza acuti nelle classiche di primavera, senza gloria nei grandi giri (vinti da Contador, Evans e Cobo) il professionismo azzurro è alle prese con un difficile cambio generazionale e scelte coraggiose da parte della Federazione. La Nazionale messa in campo da Bettini, orfana di tutti gli uomini di punta (da Basso a Cunego, da Pozzato a Petacchi, o per un motivo o per un altro) fa di necessità virtù e scommette sulla linea verde, impersonificata soprattutto da Viviani. Nonostante il talento (in gara) del tecnico Bettini e la tradizione, che ci vuole sempre protagonisti, c’è poco da stare allegri. Meglio puntare sulle altre categorie, a cominciare dalla donne dove possiamo schierare al via la campionessa del Mondo uscente, Giorgia Bronzini, già vincitrice anche su pista e donna in grado di ripetersi, soprattutto su un percorso che, dal punto di vista altimetrico, non si preannuncia impossibile. Il settore femminile, diretto da Dino Salvoldi, appare quello più attrezzato per concorrere al podio. Anche tra le juniores possiamo sperare, con giustificato ottimismo, in Rossella Ratto, campionessa europea in carica sia nella prova in linea che in quella a cronometro. Non essendoci grandi confronti internazionali in questa categoria proprio la prova continentale (dominata dalle nostre) rappresenta il precedente più autorevole e di riferimento. Già domani a mezzogiorno potremmo festeggiare una bella medaglia.
Qualcosa di simile si potrebbe ipotizzare anche per gli juniores uomini dove possiamo allineare al via della crono di martedì il campione continentale uscente Alberto Bettiol. Da temere soprattutto i francesi, leader del ranking UCI per nazioni. Se dovessi indicare un nome direi senza dubbio Alexis Gougeard, secondo nella Roubaix per juniores ad inizio stagione e secondo anche nella crono di Offida valida per il titolo europeo, oltre a Pierre-Henri LECUISINIER, campione europeo strada. Occhio anche ai russi e, perché no, visto che vanno di moda in questo periodo, agli australiani.
Qualche fondata speranza di medaglia la possiamo accampare anche tra gli U23. Nel ranking per Nazioni dell’UCI siamo i primi e questo qualche cosa vorrà anche dire. Nella crono schieramo gli stessi degli Europei di Offida (Mannini e Coledan) dominati dai francesi. Proprio i transalpini saranno gli avversari da battere, tra tutti il campione europeo crono Paillot. Occhio anche al tedesco Kern (campione europeo strada) e all’australiano Hepburn, che si è rivelato in grande forma al recente Tour dell’Avvenire
Antonio Ungaro

L’ORDINE DI PARTENZA DI DOMANI – La juniores Maria Giulia Confalonieri sarà la prima atleta azzurra a gareggiare nella prova a cronometro della sua categoria, che si svolgerà domani, dalle ore 10.00 e che aprirà questa edizione dei campionati del Mondo.  L’azzurra partirà alle ore 10.12. Seguiranno poi le altre azzurre: Beatrice Bartelloni alle ore 10.23 e Rossella Ratto alle ore 10.37. La Ratto sarà la penultima delle 39 atlete in gara.
Dalle ore 13, prenderà il via anche la prova a cronometro riservata alla categoria under 23, nella quale si confronteranno 65 atleti. Il primo azzurro sarà Massimo Coledan, in gara alle 14.40. Poi, sarà la volta di Matteo Mammini, alle ore 16.35.Gli azzurri che saranno impegnati nelle prove a cronometro del Campionato del Mondo di Copenaghen, arrivati ieri sera in Danimarca, hanno svolto oggi il primo allenamento in bici.

LE NAZIONALI CRONO

Uomini Juniores – martedì 20/09 h 9.30
Alberto Bettiol (Stabbia Ciclismo)
Riccardo Donato (Work Service Brenta)
Davide Martinelli (GC Feralpi)

Donne Juniores – lunedì 19/09 h 10.00
Beatrice Bartelloni (Verso l’Iride)
Maria Giulia Confalonieri (Cicli Fiorin Despar)
Rossella Ratto (Giusfredi Ciclismo)

U23 – lunedì 19/09 h 13.00
Massimo Coledan (Trevigiani Dynamon Bottoli)
Matteo Mammini (Mastromarco Sensi Mapooro)

Donne Elite – martedì 20/09 h 14.00
Noemi Cantele (Garmin Cervelo)
Elisa Longo Borghini (Top Girls)

Professionisti – mercoledì 21/09 h 12.30
Adriano Malori (Lampre ISD)
Marco Pinotti (HTC Highroad)

Lascia un commento

La tua email non apparirà

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.