Mondiali di Arrampicata sportiva, Narasaki e Garnbret signori dei blocchi

In pieno svolgimento i mondiali di arrampicata sportiva a Hachioji. Assegnato il titolo boulder, con il dominio degli atleti di casa. Migliori azzurri Piccolruaz e Rogora, 19°.

Mondiali di Arrampicata sportiva, Narasaki e Garnbret signori dei blocchi

Sono in pieno svolgimento i Mondiali di Arrampicata Sportiva, ad Hachioji, alla periferia di Tokyo, dove il prossimo anno si svolgeranno le Olimpiadi.

Il calendario prevede l’assegnazione dei titoli di specialità: boulder, lead e speed. I risultati combinati di ogni atleti in queste tre discipline permetterà di stilare una classifica valida ai fini della partecipazione alla fase finale della combinata, il 18-21 agosto a cui accederanno solo i 20 atleti. In palio i primi sette pass olimpici.

Oggi si è concluso il Mondale Boulder, che ha regalato pochissime soddisfazione agli azzurri presenti mentre ha confermato i grandi progressi dei climbers giapponesi.

Tra gli uomini ha vinto, infatti, Tomoa Narasaki, già sul podio praticamente in tutte le prove di Coppa del Mondo disputate quest’anno e sesto anche in quella lead di Villars, a conferma della sua particolare attitudine alla combinata. Alle sue spalle sono giunti l’austriaco Jacob Schubert e il tedesco Yannick Flohé. Per gli appassionati di questo sport da sottolineare come Tomoa sia stato l’unico che in finale ha chiuso due blocchi. Nessun altro è stato in grado di fare “top” nei problemi proposti. Si tratta forse di un limite di tracciatura, che potrebbe in futuro penalizzare lo spettacolo.

Una finale, quella maschile, di altissimo livello, se è vero, com’è vero, che anche un campione del calibro di Adam Ondra ha dovuto pagare l’onta dell’ultimo posto (che gli è valso il sesto posto finale) con un desolante 0 in tutti i blocchi.

Tra le donne successo della predestinata Janja Garnbret che si è tolta la soddisfazione di chiarire, in casa dell’astro nascente Akiyo Noguchi, chi delle due sia ancora la migliore nel boulder. Alle spalle delle due contendenti la rediviva Shauna Coxsey.

Senza acuti la prova degli azzurri presenti. Solo Michael Piccolruaz e Laura Rogora sono riusciti ieri ad accedere alle semifinali, per poi chiudere entrambi al 19° posto. Più lontani Stefano Ghisolfi (49°), Marcello Bombardi (53°) e Ludovico Fossali (61°). Prima di stilare un bilancio sulla partecipazione azzurra, però, vale la pena attendere le due prove lead e speed per capire se almeno un azzurro sarà in grado di entrare tra i 20 finalisti della combinata. Già questo sarebbe un successo.

Qui la diretta streaming

Abbonati qui a Express VPN, ottieni il 30% di sconto

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.