Mondiali di Basket, domani contro l’Angola per guardare a Tokyo

Italia-Filippine 108-62 (17 punti per Datome e Della Valle). Lunedì Azzurri contro l’Angola; se si vince si passa al secondo turno (9.30 italiane, diretta Sky Sport Uno)

Mondiali di Basket, domani contro l’Angola per guardare a Tokyo

Foshan. Una vittoria per accedere alla seconda fase. Una vittoria per accedere al torneo pre olimpico. Dopo aver battuto nettamente le Filippine (108-62) all’esordio, gli Azzurri sono ad un passo dai primi due obiettivi mondiali. Vincere contro l’Angola domani alle 9.30 italiane (diretta Sky Sport Uno e Arena) significa strappare il pass per il secondo girone di Wuhan con una giornata di anticipo e soprattutto assicurarsi già da ora un posto per i quattro tornei che il prossimo anno qualificheranno quattro squadre ai Giochi di Tokyo 2020.

La posta in palio contro gli africani è dunque altissima e il -46 che gli angolani hanno subito dalla Serbia all’esordio (105-59) non deve trarre in inganno. La squadra di coach Will Voigt è molto più fisica, strutturata e organizzata delle Filippine. E’ lontana dagli Azzurri nel ranking FIBA (Italia 13, Angola 39) ma è comunque un test da non sottovalutare.

Luca Vitali e Amedeo Tessitori sono agli antipodi, almeno come esperienze in Nazionale. Vitali è uno dei senatori con 145 presenze e un esordio datato 2006. Tessitori, per tutti “Tex”, è quello con il minor numero di caps in squadra (15). Entrambi però sintonizzati sul prossimo avversario.

“L’Angola – commenta Vitali – è il primo gradino del nostro mondiale. L’abbiamo studiata bene con lo staff tecnico e ci aspettiamo una partita fisica e spigolosa. Siamo pronti”.

Stesse sensazioni per Tessitori: “A livello fisico saliamo di livello rispetto alle Filippine. Dovremo reggere il confronto muscolare e togliere loro tutte le certezze”.

Sugli spalti ieri sera a tifare Azzurro, Marcello Lippi si è intrattenuto questa mattina con la squadra al completo. L’ex CT della Nazionale italiana di calcio campione del Mondo nel 2006 e attuale CT della Nazionale cinese di calcio ha fatto i complimenti ai ragazzi di Sacchetti invitandoli a puntare in alto: “Contro le Filippine – ha detto Lippi – mi è piaciuto molto l’atteggiamento di tutti. Al di là del grande scarto finale ho visto il carattere e la volontà di ognuno di mettersi a disposizione del compagno. In queste grandi manifestazioni è importante vincere le prime partite per avere maggiore fiducia in se stessi e continuare a lavorare con serenità. Con coach Sacchetti ci accomunano alcuni tratti caratteriali: conosce il valore della Maglia Azzurra e riesce a trasmettere ai ragazzi le emozioni che solo rappresentare l’Italia può dare. Non c’è nessun paragone con manifestazioni di club. Le qualità, tecniche e morali, ci sono. In un Mondiale può succedere tutto. Perché non crederci?”.

Nel roster attuale, Marco Belinelli è il sesto marcatore di sempre in Azzurro con 2192 punti in 150 presenze. Quinto posto per Bariviera (2193), quarto per Marzorati (2222), terzo per Villalta (2265). Irraggiungibili, almeno per quest’anno, Dino Meneghin (2845) e Antonello Riva (3775). Gigi Datome è al 14esimo posto con 1554 punti. Il Capitano ha raggiunto questa posizione con 171 partite ed è quindicesimo nella classifica dei giocatori con più presenze in Azzurro.

Nella prima partita, la Serbia ha strapazzato l’Angola 105-59.

Così il CT Sacchetti sulla larga vittoria contro le Filippine: “Dovevamo vincere e l’abbiamo fatto. Alla vigilia avevo detto che la partita più delicata sarebbe stata questa e aver vinto, anche in maniera larga, ci fa partire con il piede giusto. Un bel messaggio della squadra dopo lo 0/6 nelle ultime gare di preparazione. Mi è piaciuta molto la difesa perché non ha lasciato nulla alle Filippine anche quando il punteggio era ormai a nostro favore. In attacco buone percentuali. E’ l’inizio che mi aspettavo e che speravo. Abbiamo fatto il nostro e ora pensiamo alla prossima gara. Contro l’Angola sarà più difficile”.

Così Danilo Gallinari: “E’ molto bello cominciare così questa avventura mondiale. Si è vista una buona intensità e una buona energia. Mi è piaciuto il ritmo durante tutto il match e siamo stati bravi a indirizzare la partita fin dalle battute iniziali. Un buon lavoro ma ora pensiamo all’Angola”.

Italia-Filippine 108-62 (37-8, 25-16, 23-15, 23-23)

Italia: Della Valle 17 (1/2, 3/7), Belinelli* 9 (4/4, 0/2), Gentile 6 (0/3, 1/1), Biligha* 8 (4/7), Vitali L. 2 (1/1, 0/2), Gallinari* 16 (1/1, 4/5), Hackett* 7 (2/5 da 3), Filloy 7 (2/3, 1/3), Brooks 8 (2/3, 1/2), Tessitori 9 (4/7), Abass 2 (1/1, 0/1), Datome* 17 (4/4, 3/3). All: Sacchetti

Filippine: Blatche* 15 (5/8, 1/5), Dalistan 2 (1/1, 0/3), Ravena* 5 (1/4, 1/5), Norwood ù(0/1, 0/3), Bolick 6 (1/3, 0/2), Barroca* 2 (1/1, 0/1), Fajardo 9 (3/4), Pogoy* 2 (1/2, 0/1), Perez 15 (6/10, 1/2), Rosario 2 (1/1, 0/1), Almazan 2 (1/2), Aguilar* 2 (1/4). All: Guiao

 

Tiri da due Ita 24/36, Fil 22/41; Tiri da tre Ita 15/31, Fil 3/23; Tiri liberi Ita 15/21, Fil 9/12. Rimbalzi Ita 38 (8 Tessitori), Fil 34 (10 Blatche). Assist Ita 30 (5 Vitali), Fil 10 (3 Perez).

Note: Fallo tecnico a Ravena (65-26)

Arbitri: Anderson (Usa), Rosso (Fra), Yu (Tpe)

Spettatori: 12.000

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.